Fotografato il sistema difensivo del DNA

Fotografato il sistema difensivo del DNA

Fotografato il sistema di protezione usato dal DNA.

Tale scoperta è merito di una ricerca diretta da Gian Piero Spada (Università’ di Bologna) e Paolo Samori (Università di Strasburgo) pubblicata da “Angewandte Chemie “.

Usando microscopi a scansione, gli studiosi hanno ripresa quella che chiamano la “danza di guerra “delle molecole di guanina: il passaggio da una disposizione in fila indiana ad una formazione
compatta a gruppi di quattro, una “testuggine” simile a quella adottata dalla antiche legioni romane.

Spiega Spada: “E’ proprio questo il meccanismo molecolare cui si deve la protezione delle informazioni genetiche custodite nei cromosomi. La guanina e’ infatti il principale componente dei
telomeri: le estremità’ dei filamenti di DNA che arricciandosi su se stesse lo proteggono, a mo’ di cappucci, dalle aggressioni esterne. Ed e’ proprio la disposizione a testuggine della
guanina a consentire l’arricciamento”.

I telomeri ed il loro materiale, la guanina sono 2 dei punti caldi della ricerca scientifica contemporanea. Essi sembrano infatti avere un ruolo centrale, nel gestire l’invecchiamento delle
cellule ed anche nel garantire una sorta d’immortalità alle cellule dei tumori. 


Di norma, quando una cellula si riproduce, i telomeri del suo DNA si accorciano, fino a ridursi troppo e provocare la morte della cellula. Invece le cellule di alcuni tumori riescono cellule
riescono a mantenere lunghi i propri telomeri, riproducendosi senza invecchiare.

Ma, cancro a parte, le scoperte del tandem Spada-Samori aprono nuove strade anche nel fotovoltaico e nell’informatica organica.

Fonte: Artur Ciesielski, Stefano Lena, Stefano Masiero, Gian Piero Spada, Paolo Samorì, “Dynamers at the Solid-Liquid Interface: Controlling the Reversible Assembly/Reassembly
Process between Two Highly Ordered Supramolecular Guanine Motifs”
, Angewandte Chemie 2010, doi:10.1002/anie.200905827 

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento