Fipe: “No all’aranciata senza arance. Provvedimento assurdo”

Fipe: “No all’aranciata senza arance. Provvedimento assurdo”

«La norma che abolisce il divieto di colorazione delle bibite contenenti almeno un 12% di vero succo d’agrume è un inganno per i consumatori e crea un danno di immagine ai pubblici
esercizi destinati a raccogliere le giuste proteste dei clienti per questo provvedimento assurdo».

Con il commento del presidente Lino Enrico Stoppani, Fipe si allinea alle proteste formulate dalla Coldiretti, dall’Adoc e dalla Federconsumatori ai quali rivolge l’invito a dare vita ad una
campagna congiunta contro questa norma contenuta nell’articolo di legge votato al Senato per recepire una direttiva europea.

«Sforzi e fatiche compiute dagli esercenti per valorizzare il prodotto da somministrare alla clientela – spiega Stoppani – saranno vanificati dalla qualità scadente dello stesso
prodotto da somministrare. Ci meravigliamo di come l’Europa così attenta ad armonizzare le regole di un mercato comune abbia scelto come base le regole di minor garanzia per i cittadini,
anziché quelle di maggior tutela. Abbiamo bisogno di maggior chiarezza, senza la quale l’alimentazione rischia lo stesso tipo di inquinamento di quello avvenuto nella finanza con i
“derivati”».

Leggi Anche
Scrivi un commento