Clima, nasce la “Carta delle città e dei territori d’Italia”

Clima, nasce la “Carta delle città e dei territori d’Italia”

Un documento che candida i Comuni,le Province e le Regioni d’Italia ad avere un ruolo attivo nel raggiungimento degli impegni sottoscritti dal Governo rispetto al Pacchetto 20 20 20 dell’Unione
Europea e nell’ambito dei negoziati che si terranno a Copenhagen a dicembre 2009, quando verranno ridiscussi i contenuti dell’accordo che sostituirà il Protocollo di Kyoto. E’ questo il
significato della Carta delle Citta’ e dei Territori d’Italia per il Clima, realizzata dal Coordinamento di Agenda 21, in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e
l’Unione delle Province Italiane, che verra’ consegnata ufficialmente al Governo il 3 aprile a Roma.

All’evento di presentazione del documento, che si svolgera’ sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e con il Patrocinio del Parlamento Europeo e del Ministero dell’Ambiente,
partecipera’ anche Pedro Ballesteros, responsabile della campagna Intelligent Energy Europe della Dg per l’Energia della Commissione Europea.

Il testo in particolare raccoglie una serie di proposte per far si’ che nelle politiche a favore della tutela del clima vengano sfruttate le potenzialita’ delle amministrazioni locali, gia’
attive a livello territoriale con diverse tipologie di intervento capillare che stanno dando un contributo importante. Come fanno sapere in una nota Anci, Upi e Agenda 21, dai dati raccolti con
il nuovo sistema di calcolo formulato dal Coordinamento di Agenda 21 ad esempio risulta che in molte citta’ si e’ gia’ potuta ottenere una riduzione di Co2 del 20%.

Leggi Anche
Scrivi un commento