Fegato sano, la chiave per la salute del corpo

Fegato sano, la chiave per la salute del corpo

Il fegato è organo importante quanto trascurato.

Esso è la pietra angolare della salute del corpo e, nonostante questo, spesso e vittima di attacchi a cui non segue adeguata risposta. Consumo di farmaci, tensione e stress,
alimentazione scorretta: questo ed altro fa male al fegato, e le conseguenze sono globali.

Per evitare ciò, può essere d’aiuto “Fegato Sano”, scritto da Salvatore Rosellini ed edito da L’Età dell’Acquario.

Il dottor Rossellini è epatologo dell’Ospedale di Forlì e specialista in Gastroenterologia, in Medicina interna e in Geriatria. Inoltre, è Fondatore e presidente
dell’Associazione forlivese per le malattie del fegato, è presidente della Liver-Pool Onlus, la Federazione nazionale delle associazioni di volontariato per le malattie epatiche e il
trapianto di fegato. Nel suo curriculum figurano anche esperienze nei Paesi in via di sviluppo, come l’Algeria Sahariana, dove ha collaborato a progetti tesi a contrastare la diffusione delle
epatiti virali.

Nell’opera, il medico offre così una serie di consigli, sia per prevenire che per curare problemi.

Il primo passo è una corretta alimentazione: ci sono cibi da evitare, altri da scegliere ed altri ancora da cercare. Prodotti come vitamine, erbe o alcuni vegetali possono infatti agire
da farmaci naturali.

Tuttavia, a volte questo non basta e bisogna passare alle terapie mediche vere e proprie. Anche in questo caso, il testo offre una panoramica delle opzioni possibili, andando dai rimedi
più tradizionali e fisici a quelli più innovativi basati sull’azione anche mentale

Salvatore Ricca Rosellini, “Fegato Sano. Il segreto per una vita in ottima salute”, L’Età dell’Acquario 2010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento