Farmaci dall’urina e dalle feci di vacca

Farmaci dall’urina e dalle feci di vacca

Utilizzare l’urina e le feci della mucca per realizzare farmaci ed altri prodotti per la cura della persona.

E’ quanto si propone una ricerca del Ahmedabad Research Center (India), diretta dal dottor Kesari Gumat e descritta da “France-Presse”.

Nel loro lavoro, gli studiosi sono stati ispirati dalle tradizioni della loro terra.
Se infatti le vacche sono sacre ed intoccabili per motivi religiosi, i loro scarti organici sono pienamente utilizzabili.
Inoltre, esistono antichi testi indù che esaltano le facoltà medicinali di tali sostanze.

Allora, gli scienziati hanno messo in piedi un primo esperimento. Raccolte 300 vacche, hanno sparso le loro evacuazioni, invitando i volontari a camminare sopra a piedi nudi.

Questo perché, spiega Gumat, “Camminare sullo sterco di vacca fresco è molto sano. Si uccidono tutti i germi e batteri e si guarisce le ferite. Inoltre, lo sterco di mucca secco
è come un grande scrub, che permette di sbarazzarsi della pelle morta e migliorare la circolazione del sangue”.

Al momento, i ricercatori sono alle prese con i problemi tecnici della produzione.
Prima di poter utilizzare le feci, essi devono infatti farle seccare e “cuocerle” ad alta temperatura, per eliminare i germi nocivi. Solo dopo si ottiene una polvere sterile, utile per creare
farmaci e altri prodotti. Allo stesso modo, per sterilizzare l’urina si procede con la distillazione.

Nel caso le difficoltà si dovessero mostrare superabile ed i test positivi, il mercato vedrà l’apparire di una serie di prodotti a base di mucca. Tra gli altri, saponi, dentifrici
ed incenso.

FONTE: “Keeping clean and healthy with cow dung and urine”, Agence France-Presse 02/03/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento