Export agroalimentare extra-UE

Export agroalimentare extra-UE

Nel mese di maggio 2009, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, l’export di prodotti agricoli freschi con i paesi extra Ue ha registrato una rilevante diminuzione (-29,9%). Lo
sottolinea Confagricoltura, analizzando i dati del commercio estero extra Ue diffusi oggi dall’Istat, da cui emerge come il calo nel mese di maggio sia ancor più rilevante di quello del
periodo gennaio-maggio 2009 (sull’analogo periodo del 2008), in cui l’export è sceso del 17,5%.

“Una frenata del 30% non può che preoccupare e far temere per la tenuta del sistema” – commenta Confagricoltura.

E’ andata un po’ meglio per i prodotti agroalimentari trasformati, per i quali la diminuzione è “solo” del 5% a maggio 2009 su maggio 2008 e dell’8,5% nei primi cinque mesi dell’anno,
rispetto all’analogo periodo del 2008.

Confagricoltura evidenzia anche che il saldo dei prodotti agricoli allo stato naturale è fortemente negativo (-1522 milioni di euro) nei cinque mesi, mentre quello per i trasformati
è in attivo, risentendo anche della diminuzione dell’import (+474 milioni di euro).

La situazione delle aziende agricole, soprattutto per quelle più competitive e che fanno da traino del made in Italy, resta difficile, preoccupante e richiede, come segnalato nel recente
documento anti-crisi di Confagricoltura, interventi immediati anche di carattere finanziario.

Leggi Anche
Scrivi un commento