ERA-NET propone programma regionale per la cooperazione con l'Europa sudorientale

SEE-ERA NET ha pubblicato una serie di raccomandazioni intese ad avvicinare la comunità scientifica dei Balcani occidentali a quella dell’Unione europea, tra le proposte figura
l’istituzione di un programma regionale per la cooperazione con l’Europa sudorientale.

Le reti ERA-NET sono state ideate al fine di incoraggiare il coordinamento di programmi nazionali e regionali. SEE-ERA.NET è stata istituita per promuovere l’integrazione tra gli Stati
membri dell’Unione europea e i paesi dell’Europa sudorientale (SEE) all’interno dello Spazio europeo della ricerca (SER).

La rete ha pubblicato un libro bianco che collega i sistemi di ricerca dell’Europa sudorientale e un piano d’azione congiunto di accompagnamento.

Il programma regionale per la cooperazione con l’Europa sudorientale (ReP-SEE) proposto mirerebbe ad agevolare il coinvolgimento di istituti dei Balcani occidentali in consorzi che partecipano
ai programmi dell’Unione europea. Questo creerebbe inoltre nella regione un ambiente favorevole per i giovani scienziati e integrerebbe le nuove strutture di innovazione dei Balcani occidentali
nelle reti e nei raggruppamenti di innovazione degli Stati membri dell’Unione europea.

Il piano d’azione congiunto descrive come il programma ReP-SEE verrebbe strutturato su quattro pilastri: un invito a presentare proposte comune per i progetti di ricerca europei; misure di
accompagnamento intese a facilitare la ricerca congiunta; un programma per giovani scienziati e un programma d’innovazione. L’invito a presentare proposte comune dovrebbe finanziare progetti di
ricerca in collaborazione, sovvenzioni preparatorie per progetti di ricerca in collaborazione e «sovvenzioni di aggancio», che consentano alle équipe dei paesi dell’Europa
sudorientale di partecipare ai consorzi esistenti.

Inoltre, SEE-ERA.NET ha delineato una serie di iniziative intese a costruire infrastrutture nei Balcani occidentali. Tra queste figurano la compilazione di un inventario delle infrastrutture di
scienza e tecnologia (S&T) esistenti nella regione, nonché di quelle presenti nell’Unione europea, la creazione di un meccanismo per definirne i bisogni su media scala riguardo a
infrastrutture di S&T e l’introduzione di un trasferimento sistematico e basato sulla domanda di strumenti da laboratorio usati dagli Stati membri dell’Unione europea agli istituti dei
Balcani occidentali, attraverso la creazione di un mercato sul web.

Il piano d’azione congiunto contiene inoltre misure per il rafforzamento delle istituzioni, tra cui l’assistenza con valutazione e confronto, nonché misure per lo sviluppo del potenziale
umano. Oltre ai programmi creati nell’ambito del ReP-SEE, dovrebbe essere offerta la formazione per la gestione scientifica tramite periodi di internato per gli amministratori scientifici. Una
task force della diaspora dovrebbe inoltre studiare modalità di rimpatrio degli scienziati dei Balcani occidentali.

Un’ulteriore priorità di SEE-ERA.NET è la diffusione di informazioni. Le misure proposte comprendono regolari presentazioni a funzionari della Commissione riguardo a specifici
settori scientifici dei Balcani occidentali, e il miglioramento delle attività di stampa.

SEE-ERA.NET riunisce 17 ministeri e organi di finanziamento di 14 paesi europei, compresi tutti i paesi dei Balcani occidentali.

Leggi Anche
Scrivi un commento