Donne: l’ossessione per il peso inizia da piccole

Donne: l’ossessione per il peso inizia da piccole

L’infanzia schiacciata dal peso dei chili di troppo, reali o immaginari. Quasi la metà delle bambine dai 3 ai 6 anni ritiene di pesare troppo, mentre una su 3 vorrebbe intervenire
pesantemente sul proprio aspetto.

A sostenerlo, una ricerca della University of Central Florida diretta dalla professoressa Stacey Tantleff-Dunn e pubblicata da “British Journal of Developmental Psychology”, versione on-line.

Gli studiosi hanno lavorato con 121 bambini, di varia età. I soggetti sono state messe in una stanza dei giochi e tenute sotto osservazione. Si è così notato come
l’occupazione principale fosse la cura del look, tramite pettini e fermagli, piuttosto che diversi con i protagonisti del cartone animato del momento. Inoltre, il 49% delle piccole ha mostrato
preoccupazione per il proprio peso, sia seria (31%) che moderata.

Secondo la professoressa Tantleff-Dunn e collaboratori, tale ossessione ha le sue radici, tra le altre cose, nelle immagini televisive, che entrano nel cervello tramite le lunghe ore passate
davanti alla TV.

Spiega la studiosa: “Dobbiamo aiutare i nostri figli a sfidare, e non a idolatrare, le immagini di bellezza e magrezza tanto in vista sul piccolo schermo, facendo capire loro che l’autostima
non può dipendere dall’aspetto fisico. Dobbiamo aiutarli a costruire un’immagine di sé stessi positiva che prescinda dagli attributi fisici”.

Un buon metodo per far questo è l’utilizzo delle favole, metafore per esaltare l’importanza dell’interiore e ridimensionare quella dell’apparenza.

Questo è il consiglio degli esperti, che invitano anche i genitori all’attenzione Studi recenti, infatti, hanno evidenziato come la preoccupazione dell’aspetto fisico in giovane
età sia un accesso privilegiato per le malattie alimentari (anoressia in primis) più tardi negli anni.

LINK alla ricerca

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento