Diabete, la prevenzione inizia con gli anacardi

Diabete, la prevenzione inizia con gli anacardi

Gli anacardi possono agire come anti-diabete naturale, grazie ai loro composti, che aiutano la gestione degli zuccheri.

E’ quanto afferma una ricerca dell’Università di Montreal (Canada) e di Yaoundè (Cameroun), diretta dal dottor Pierre Haddad e pubblicata su “Molecular Nutrition & Food
Research”.

L’equipe del dottor Haddad ha preso in esame diversi estratti vegetali, mettendo alla prova le loro potenzialità contro la malattia.

I test hanno rivelato le carattestiche dell’anacardi: gli estratti di semi, foglie e corteccia stimolano l’assorbimento di glucosio da parte dei muscoli, favorendo la produzione di energia. In
più, gli anacardi favoriscono vitamine del gruppo B, proteine e fibre, forse difesa contro l’infiammazione.

Spiega il dottor Haddad: “Di tutti gli estratti testati, solo quello di semi di anacardo ha stimolato notevolmente l’assorbimento dello zucchero nel sangue dalle cellule muscolari”. Infatti,
“Gli estratti delle altre parti di piante, non hanno sortito lo stesso effetto; l’estratto di semi di anacardi probabilmente contiene dei composti attivi che possono avere potenziali
proprietà anti-diabetiche”.

Date queste premesse, il giudizio finale è più che positivo. Naturale cautela a parte, Haddad ritiene che “Il nostro studio convalida l’uso tradizionale dei prodotti dell’albero
di acagiù per il diabete e afferma che i suoi componenti naturali potrebbero servire per la creazione di nuove terapie orali”.

La ricerca è stata finanziata dal Canadian Institutes of Health Research e dall’Institute of Nutraceuticals and Functional Foods.

Fonte: Leonard Tedong, Padma Madiraju, Louis C. Martineau, Diane Vallerand, John T. Arnason, Dzeufiet D. P. Desire, Louis Lavoie, Pierre Kamtchouing, Pierre S. Hadda, “Hydro-ethanolic
extract of cashew tree (Anacardium occidentale) nut and its principal compound, anacardic acid, stimulate glucose uptake in C2C12 muscle cells”
, Molecular Nutrition & Food Research,
doi:10.1002/mnfr.201000045

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento