FREE REAL TIME DAILY NEWS

Contro il diabete, ecco i cani fiuta-glicemia

Contro il diabete, ecco i cani fiuta-glicemia

By Redazione

In Gran Bretagna dove sono stati addestrati gli chiamano hypo-alert dogs. Sono 6 cani, in grado di riconoscere se un malato di diabete sta per avere una crisi glicemica e di avvertirlo.
L’animale lecca allora le mani al padrone, spingendolo così ad usare insulina od integrare gli zuccheri.

La storia di uno di questi animali, Shirley, è stata raccontata dal quotidiano “Daily Mail”.

Shirley è un labrador-golden retriever assegnato a Rebecca Farrar, bambina inglese di 6 anni affetta da diabete di tipo 1.

Prima dell’arrivo di Shirley, Rebecca (che vive ad Harpole, Northamptonshire) faceva molta fatica a gestire la malattia. Cene abbondanti, qualche golosità di troppo o la dimenticanza nel
controllare nel controllare la glicemia le provocavano una pericolosa altalena di zuccheri. Per quattro volte, la sua salute aveva reso necessario il ricovero d’urgenza in ospedale.

Poi, è arrivata Shirley, in grado di agire come controllore, grazie ad addestramento e capacità.

Da quel momento la vita della bambina e dei suoi familiari è diventata più sicura ed il diabete più controllabile. “Siamo i migliori amici e non posso più pensare di
vivere senza di lui, mi ha salvato la vita tante volte”, spiega la ragazzina.

Nel Regno Unito Shirley ed i suoi colleghi sono una realtà già affermata e posseggono gli stessi diritti di un cane-guida per non vedenti.

Fonte: “Diabetic girl, 6, has life saved four times a WEEK by dog which knows when she needs insulin”, Daily Mail 23/06/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: