Cuochi e Olitalia Frienn: Speciale OlioOfficina 2016

Cuochi e Olitalia Frienn: Speciale OlioOfficina 2016

Nuovi prodotti e cuochi impegnati in cooking show sono stati i momenti salienti della presenza di Olitalia a Olio Officina di Milano, la manifestazione ideata da Luigi Caricato.

Partiamo dai cuochi, cinque in due giorni ad alternarsi nello spazio riservato ad Olitalia: Fabrizio Ferrari, Maurizio Urso, Pasquale Torrente, Massimiliano Mascia e Roberto Carcangiu, che introdotti dal giornalista Luigi Franchi e utilizzando la gamma di oli e aceti balsamici di Olitalia e dell’Acetaia Giuseppe Cremonini, si può dire che hanno fatto emergere una visione innovativa dell’uso in cucina di questi condimenti.

Massimiliano Mascia e Luigi Franchi

Massimiliano Mascia e Luigi Franchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infatti Ferrari, consigliere dell’Associazione Jeunes Restaurateur d’Europe, e cuoco del ristorante “Al Porticciolo 84” di Lecco, dalla sua cucina esclusivamente di pesce che si intriga in un mix di sapori mediterranei e spezie orientali, ha realizzato la Terrina di granciporo ed emulsione di Aceto Balsamico di Modena igp “puro Modena barrique, neve di olio evo “Val di Mazara dop” e bottarga, stracciatella, barbabietole marinate al balsamico e pistacchi.
Mentre, in uno spazio esterno al chiostro del Palazzo delle Stelline, la bella location al centro di Milano dove si è svolto Olio Festival, Pasquale Torrente e la sua brigata della “Cuopperia” di Cetara e del “Mercato di San Lorenzo” hanno preparato una serie di assaggi di fritto all’italiana, oltre ad esaltare il fritto e, ovviamente, a deliziare i palati dei visitatori della manifestazione dedicata alla grande condimento italiano.

Pasquale Torrente

Pasquale Torrente

Maurizio Urso de “La Terrazza sul mare” di Siracusa, sempre impegnato ad evidenziare il benessere e la leggerezza che può assicurare la cucina della propria terra, ha realizzato tre ricette nel corso del suo cooking show: Millefoglie di pesce spada, tonno e branzino marinati alle erbette degli Iblei, con pomodoro confit, salsa di rucola e Aceto Balsamico di Modena igp “5 grappoli; Sgombro velato all’Aceto Balsamico di Modena igp,“5 grappoli” polvere di finocchietto e banana caramellata con emulsione di olio extravergine di oliva “Liguria dop” e curry; Raviolo di rape rosse con gocce di Aceto Balsamica di Modena igp “5 grappoli”e ricotta ai ricci di mare.
Massimiliano Mascia del ristorante “San Domenico” di Imola, uno dei pochi italiani con due stelle Michelin e che conduce con lo zio Valentino Marcatilli -sempre rispettando la tradizione del locale  voluto da Gianluigi Morini- dove il rispetto della materia prima e la stagionalità sono elementi essenziali per la qualità della cucina, ha preparato Risotto mantecato all’olio extravergine d’oliva “Colline di Romagna dop”, con coscia di coniglio in olio di cottura e purea di melanzane.
Infine Roberto Carcangiu, presidente Associazione Professionale Cuochi Italiani e da pochi mesi direttore didattico della meneghina scuola di cucina, Congusto, ha deliziato i visitatori di Olio Officina con semi-conserva di pollo con maionese di olio extra vergine di oliva monocultivar ogliarola, aceto con polpa di frutta lampone e crescione.

Gianni Tognoni - Resp. Marketing Olitalia

Gianni Tognoni – Resp. Marketing Olitalia

“Abbiamo deciso di portare i cuochi a Olio Officina per dare continuità alla nostra strategia che ci vede partner attivi della ristorazione italiana, convinti del ruolo fondamentale che essa riveste nella cultura e nell’educazione per una gastronomia di qualità”, afferma Gianni Tognoni, direttore commerciale di Olitalia..
A uno di questi cinque cooking show ha fatto capolino la novità dell’azienda romagnola. Cioè, Frienn, il nuovo olio per friggere privo di quello di palma, ideato insieme allo chef Pasquale Torrente e all’Università di Bologna.

Fabrizio Ferrari

Fabrizio Ferrari

Come ha spiegato Daniela Natale dell’ateneo bolognese, “si tratta di un olio di girasole più ricco di acido oleico e di antiossidanti naturali che permettono di ottenere un condimento che rimane più stabile alle alte temperature di frittura, non lascia cattivi odori al cibo e all’ambiente e non trasferisce sapore e quindi ideale per tutti i tipi di frittura” come desiderava Torrente, riconosciuto re della frittura “e che abbiamo voluto omaggiare chiamandolo con frienn che in dialetto campano vuol dire friggendo”, aggiunge Tognono. E Pasquale, insieme al figlio Gaetano, in segno di ringraziamento, a Olio Officina ha dato un saggio di come si fa il fritto, che non fa male, e quali soddisfazioni può dare al palato. E beato chi ne ha potuto approfittare.

Maurizio Urso

Maurizio Urso

L’azienda fondata da Giuseppe Cremonini non è solo Frienn. Ma anche una bella gamma di oli extra vergine di oliva di alta qualità, visto che in ogni bottiglia è racchiusa la ricchezza delle nostre regioni, un patrimonio di tradizioni che valorizza ogni preparazione. Ma, anche, molto variegata. Come la linea le “Monocultivar” di oli extra vergine d’oliva ottenuti dalla spremitura di una sola cultivar che ne garantisce la purezza e ne esalta, al tempo stesso, gusto e fragranza. Ogni varietà di oliva è diversa dall’altra: alcuni tipi hanno una maturazione precoce, altre tardiva; alcune varietà sono resistenti alle avversità naturali, altre sono sensibili,. E’ così che gli oli prodotti da varietà diverse hanno caratteristiche tra loro molto diverse, sia dal punto di vista chimico che, soprattutto, organolettico.

Roberto Carcangiu

Roberto Carcangiu

Le Monocultivar di Olitalia sono Frantoio, Nocellara e Ogliarola e quindi 100% italiano “perché ci approvvigioniamo nelle campagne toscane, campane, lucane, pugliesi, calabresi  e siciliane”, dice Tognoni. Che non si sottrae a fare un commento sugli investimenti stranieri nel settore dell’olio, dove la materia incide per il 95% dei costi di produzione. E, secondo lui, i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
La presenza di Olitalia alla manifestazione milanese è stata caratterizzata anche da momenti didattici e ludici che hanno visto protagonisti i ricercatori dell’azienda che  su richiesta del pubblico hanno organizzato incontri di degustazione guidata di Aceto Balsamico e della vasta gamma di oli monovarietali e dop.

 

Michele Pizzillo
Inviato Speciale a OlioOfficina 2016
per Newsfood.com

Contatti per eventuali servizi e interviste:
Clicca Qui

 

NOTE =====================================================

Vedi anche:

www.newsfood.com/frienn-olitalia-un-torrente-di-fritti-allitaliana/
17 lug 2015 Alla base del progetto che ha portato all’ideazione di Frienn, il nuovissimo olio per frittura proposto da Olitalia nato da una collaborazione con …
www.newsfood.com/angelo-cremonini-olitalia-frienn-la-frittura-degli-chef- video/
24 lug 2015 Frienn, è il nuovissimo olio per frittura di Olitalia nato dalla collaborazione con lo chef Pasquale Torrente e con il supporto dell’Università degli …
www.newsfood.com/gianni-tognoni-oliotalia-ecco-frienn-super-olio-da- frittura-video/
24 lug 2015 Tognoni è il Direttore marketing di Olitalia, un colosso da 140.000 di Euro di fatturato solo di olio. La frittura è “patrimonio dell’Umanità” … il …

===================================================

Redazione Newsfood.com
Contatti

Leggi Anche
Scrivi un commento