Costi sanità, Pedrale: «iniziamo ad applicare la Finanziaria 2008»

Torino – In un momento di contingentamento di costi e buchi nel bilancio sanitario, anche una goccia nel mare può essere ben accetta, proprio questa convinzione deve aver
convinto il vice capogruppo di Forza Italia in Regione, Luca Pedrale, a presentare un’interrogazione sull’applicazione di alcuni articoli della Finanziaria 2008.

«Il documento programmatico finanziario nazionale di quest’anno – afferma l’esponente azzurro – prevede alcune norme che offrono una interessante possibilità di lotta agli sprechi.
Se infatti è vero che una delle voci più importanti del bilancio della sanità piemontese è da sempre la spesa farmaceutica, bisogna dare atto che tali disposizioni
potrebbero contenere degli elementi di contenimento dei costi abbastanza efficaci. Seppure non capaci da sole di risolvere il problema».

La normativa infatti, ricorda Pedrale, prevede che le confezioni di medicinali in corso di validità, ancora integre e correttamente conservate, legittimamente in possesso di ospiti delle
Residenze sanitarie assistenziali (Rsa) ovvero in possesso di famiglie che hanno ricevuto assistenza domiciliare per un loro congiunto, dall’Asl o da una organizzazione non lucrativa avente
finalità di assistenza sanitaria, possano essere riutilizzate nell’ambito della stessa Rsa o dell’Asl o dalla stessa organizzazione non lucrativa, qualora non siano reclamate dal
detentore all’atto della dimissione dalla Rsa o, in caso di suo decesso, dall’erede.

«Vogliamo sapere – continua Pedrale – se la Regione si sia attivata per applicare questa norma prevista in finanziaria e quali risultati stia dando. L’utilizzo dei medicinali non
utilizzati potrebbe infatti essere un buon esempio di lotta agli sprechi almeno nel settore pubblico. Inoltre sarebbe indispensabile che la stessa Regione crei una rete di collegamenti con le
organizzazioni senza fini di lucro, riconosciute da Regione e Provincia, per riuscire a inserirle in questo circolo virtuoso, in modo da unire sinergicamente le forze per un contingentamento
della spesa farmaceutica».

Leggi Anche
Scrivi un commento