Perdi peso, guadagni in salute

Perdi peso, guadagni in salute

L’eccesso di chili (se non la vera e propria obesità) è un pericolo per il corpo, vero e proprio trampolino di lancio per diverse malattie, come diabete, cardiopatie e cancro.

Per fortuna, però, è vero anche il contrario: una perdita di peso, anche solo 6 chili, è in grado aiutare la prevenzione, rendendo il soggetto meno fragile.

Lo spiega una ricerca di un team australiano, diretta dalla dottoressa Katherine Samaras e pubblicata sul “Journal of Clinical Endocrinology Metabolism”.

La dottoressa ed i suoi colleghi hanno selezionato un gruppo di malati di obesità e di diabete di tipo 2, sottoponendoli ad una serie di trattamenti. Per 24 settimane i soggetti hanno
così seguito una dieta ipocalorica: 1.000-1.600 calorie al giorno. Inoltre, a 12 settimane dall’inizio della sperimentazione, i volontari hanno subito bendaggio gastrico.

Alla fine si è così notato come anche una perdita di peso limitata (quantificata in 6 chili) riducesse dell’80% l’infiammazione cellulare, riportandola a livelli
pre-obesità, e stimolasse il sistema immunitario.

Per questo, gli studiosi sostengono che anche cambiamenti limitati nello stile di vita possono essere d’aiuto per prevenire diverse patologie.

Conclude così la dottoressa Samaras: “Questa è la prima volta che è stato dimostrato che la riduzione del peso modesto inverte alcuni dei cambiamenti infiammatori
estremamente negativi che vediamo nelle persone con diabete”.

Fonte: A. Viardot, R. V. Lord and K. Samaras, “The Effects of Weight Loss and Gastric Banding on the Innate and Adaptive Immune System in Type 2 Diabetes and Prediabetes”, Journal of
Clinical Endocrinology & Metabolism 2010, doi:10.1210/jc.2009-2371

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento