FREE REAL TIME DAILY NEWS

Riconoscere il cibo attraverso la conoscenza per vivere in salute

Riconoscere il cibo attraverso la conoscenza per vivere in salute

By Giuseppe

Vedi anche altri articoli e video su Ambrosia, alimenti della salute (clicca qui)

FIERA DI PADOVA, 17-05-2017
Incontro su:
Gli alimenti della salute … riscoprire la genuinità perduta… aggiornando la tradizione

Vorrei esprimere alcune mie riflessioni come nutrizionista ed educatrice.
Si parla di ricerca, di innovazione ma soprattutto di  sicurezza degli alimenti in questi anni di profonda crisi.
 Ma cosa è cambiato o dovrebbe cambiare nella nostra alimentazione?

L’alimentazione è indispensabile dalla nascita fino alla IV età per crescere e mantenere uno stato di buona salute. La scienza medica mira alla prevenzione e al controllo delle patologie cardio e cerebro vascolari, ma anche a bloccare o ridurre l’aumento dell’obesità e del diabete fino alla prevenzione dei tumori con l’alimentazione e un corretto stile di vita.
  Un obiettivo che, ovviamente, presuppone tre condizioni essenziali:
1 – conoscenza delle esigenze nutrizionali delle varie categorie di persone;
2- conoscenza delle caratteristiche bromatologiche degli alimenti (composizione dell’alimento);
3- conoscenza dei metodi produttivi agroalimentari.
La prima e seconda condizione sono una peculiarità dei nutrizionisti.
Per quanto concerne la qualità degli alimenti, carni, verdure, frutta,ecc. questi dovrebbero essere muniti di una documentazione relativa ai loro valori nutrizionali oggettivi.

In Italia esiste il CREA (Centro di ricerca per Alimentazione e Nutrizione: per la Ricerca, Informazione e promozione degli alimenti e della nutrizione ai fini della tutela del consumatore e miglioramento qualitativo delle produzioni agro-alimentari) struttura referente del MIPAAF (Ministero Politiche agricole, alimentari e forestali) dello Stato Italiano.

Il sostegno  dei processi produttivi a livello istituzionale è carente o addirittura mancante mentre la collaborazione con i professionisti della ricerca eviterebbe la continua chiusura delle Aziende agricole soprattutto nel territorio del ns. Veneto.
Nascono così gli equivoci sulla qualità degli alimenti, in quanto, queste proprietà vengono avvalorate da certificazioni cartacee (VOLONTARIE) che sono solo costi per le aziende che, comunque, sono sottoposte a numerosi controlli istituzionali per la SICUREZZA ALIMENTARE:
le continue emergenze agroalimentari e ambientali, “mucca pazza”, “peste suina”, “influenza aviaria”, “mixomatosi dei conigli”, “pesce al mercurio”, “frutta e verdura e prodotti biologici con presenza massiccia di pesticidi”, “ pane e pasticceria prodotti con la margarina”, la mozzarella campana Dop alla diossina, la mozzarella biologica blu prodotta sul Cansiglio e non ultimo il grave fatto a Pomezia (Roma) dimostrano il contrario.

L’OMS attraverso la Pan American Health Organization ha processato fortemente gli alimenti ultra trasformati (+caseina, siero di latte, proteine isolate, oli idrogenati, amidi modificati, aromi etc.) L’elenco degli scandali alimentari sarebbe ancora molto lungo ma, credo siano più che sufficienti i fatti elencati, per far comprendere, anche ai più scettici, che la sicurezza alimentare e la qualità oggettiva delle produzioni, non devono essere date per scontate.
ambrosia:invito Padova    AmbroSia, che ho conosciuto anni fa ed è sostenuta da Futuro Agricoltura, è  un’associazione di operatori del settore agroalimentare che ha operato per ottenere risultati innovativi (dall’agricoltore o allevatore all’azienda di ristorazione con il supporto tecnico-scientifico di professionisti altamente qualificati).
Si tratta di filiere produttive eco – compatibili e con caratteristiche bromatologiche oggettive, riguardanti alcune produzioni zootecniche identificate con dei nomi di fantasia, quali: Manzetto, Grufolino, Chicchi e Latte Regis etc.  per distinguerle dalle altre produzioni simili.

Dopo anni di scandali, cibi avariati riconvertiti, propagande fasulle di prodotti meravigliosi per la salute, AmbroSia propone una serie di alimenti a testimonianza che la sicurezza e la qualità alimentare vanno documentate e verificate. La peculiarità di queste produzioni AmbroSia riguarda, per il momento, il loro elevato quantitativo di:
acido linoleico coniugato (Cla), al quale sono riconosciute proprietà antitumorali, antiossidanti e benefici effetti sulle funzioni immunitarie e sulla riduzione del tasso di colesterolo negativo;
omega 3, ai quali sono riconosciute azioni benefiche per il sistema cardiocircolatorio.

Le“ condizioni vincolanti” della qualità nell’agroalimentare possono essere così sintetizzate:
– i prodotti devono avere caratteristiche nutrizionali specifiche, riscontrabili secondo il regolamento UE n°1169 in vigore dal 13-12-2013 (etichettatura-allergeni) e 14-12-2016 (etichetta nutrizionale);
– nessun requisito riferito all’alimento può essere limitato all’origine o alla provenienza geografica o al territorio ma esteso a tutti i prodotti destinati all’alimentazione umana.

Queste norme dovrebbero fare chiarezza sul concetto di qualità delle produzioni, impegnandoci tutti nell’affiancare le istituzioni nella gestione dell’alimentazione attraverso la RICERCA e l’INNOVAZIONE per ridurre i costi di produzione mirando alla salute pubblica.
L’alimentazione deve essere il risultato di una partecipazione di più entità che ruotano attorno all’agroalimentare ognuna con la propria competenza.
Purtroppo non si è ancora raggiunto in pieno tale OBIETTIVO.
Una mancanza che ha permesso propagande volte al consumo di alimenti per così dire miracolosi o puri e senza peccato orientando le grandi masse popolari al consumo degli alimenti e non alla conoscenza.
Io voglio sperare che, a questa situazione confusa, possa subentrare una nuova stagione per l’alimentazione, basata sulla carta d’identità degli alimenti, sulla genuinità, sul consumo responsabile e SOPRATTUTTO sulla corretta informazione all’utenza.

Bidoia dott.ssa Maria Antonia
Dietologa, nutrizionista ed educatrice
per Newsfood.com, Nutri-Salute
Contatti

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: