Cancro alla prostata, il caffè è innocente

Cancro alla prostata, il caffè è innocente

Il caffè non provoca cancro alla prostata.

Ad emettere il verdetto, una ricerca del National Cancer Center di Goyang, ( Corea del Sud), diretta dal dottor Chang-Hae Park e pubblicata sul “British Journal of Urology International”.

La squadra del dottor Park ha condotto una revisione sistematica sulla letteratura scientifica dedicata alle (presunte) relazioni tra caffeina e disturbi, tumori in primis. Gli studiosi si sono
focalizzati su 12 ricerche, scoprendo che in molti casi i risultati, che colpevolizzavano la bevanda erano il risultato di errori nella raccolta delle statistiche. In particolare, in 8 ricerche
gli autori avevano applicato un metodo di selezione dei dati errato, alimentando i timori dei soggetti studiati e falsando così i risultati. Spiega Park: “Poiché molte persone
ritengono che bere più caffè possa far male, i pazienti affetti da carcinoma prostatico sono portati a sovrastimare il consumo reale”.

In ogni caso, il rapporto tra caffè e scienza è lungi dall’essere concluso. Come spiegano gli esperti, la bevanda porta si svantaggi e vantaggi, ma questi sono influenzati da una
miriade di fattori personali, come lo stato di salute. Tuttavia, concludono i ricercatori, è sicuro che il caffè offre decine di sostanze antiossidanti, molecole che aiutano le
cellule a restare più giovani.

Fonte: Chang-Hae Park, Seung-Kwon Myung, Tae-Yeon Ki, Hong Gwan Seo, Young-Jee Jeon, Yeol Kim, Korean Meta-Analysis (KORMA) Study Group, “Coffee consumption and risk of prostate cancer:
a meta-analysis of epidemiological studies” ,British Journal of Urology International Article first published online: 30 JUN 2010, DOI: 10.1111/j.1464-410X.2010.09493.x

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento