Il pompelmo agisce da farmaco naturale contro il diabete

Il pompelmo agisce da farmaco naturale contro il diabete

Il pompelmo è in grado, grazie ad i suoi composti, di combattere il diabete.

Questo il messaggio di una ricerca della Hebrew University (Israele), diretta dal dottor Yaakov Nahmias e pubblica su “Public Library of Science (PLoS) ONE”.

Come fanno notare gli studiosi, la malattia rende l’organismo incapace di produrre le giuste dosi d’insulina e quindi di gestire i livelli di zucchero nel sangue.
A questo punto entra in gioco il pompelmo con il suo contenuto di naringenina. Tale antiossidante, responsabile del sapore amarognolo del frutto, aumenta la sensibilità del corpo
all’insulina, spingendo il fegato a bruciare i grassi (anziché immagazzinarli), aiutando il peso ottimale. L’effetto finale sarebbe paragonabili a quello di  farmaci dall’azione
ipolipemizzante.

Il dottor Yaakov Nahmias ritiene così che i diabetici potrebbero beneficiare di una cura a base di antiossidanti del pompelmo, tuttavia la cosa deve essere gestita con cautela. Conclude
infatti il dottore: “Le sostanze chimiche come la naringenina sono state a lungo ricercate dall’industria farmaceutica, ma il loro sviluppo è stato afflitto da problemi di sicurezza.
Questo è un passo avanti ma non dobbiamo esagerare pensando che mangiando grandi quantità di pompelmo funzionerà come una bacchetta magica: non lo farà”.

Fonte: Jonathan Goldwasser, Pazit Y Cohen, Eric Yang, Patrick Balaguer, Martin L Yarmush, Yaakov Nahmias, “Transcriptional Regulation of Human and Rat Hepatic Lipid Metabolism by the
Grapefruit Flavonoid Naringenin: Role of PPARα, PPARγ and LXRα”, PLoS ONE: Research Article, published 25 Aug 2010, doi:10.1371/journal.pone.0012399

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento