Con gli junk food, cala l’intelligenza dei bambini

Con gli junk food, cala l’intelligenza dei bambini

Patatine, hamburger e merendine: lo junk food piace ai bambini, ma può diminuire la loro intelligenza.

Tale allarme è lanciato da una ricerca dell’Università di Bristol (Gran Bretagna), diretta dalla dottoressa Pauline Emmett e descritta dal quotidiano britannico “Daily Mail”,
oltreché pubblicata su “Journal of Epidemiology and Community Health”.

Gli studiosi hanno preso in esame un campione di 3.966 bambini: piccoli volontari di 3,4,7 ed 8 anni, tutti inseriti nell’Avon Longitudinal Study of Parents and Children. Tali soggetti sono
stati divisi in 3 gruppi: il primo gruppo consumava regolarmente i cibi spazzatura. Il secondo gruppo si orientava invece su alimenti come carne, verdure e patate. Infine, il terzo gruppo di
piccoli sceglieva la dieta più sana, con frutta, insalata, verdura e pesce.

Compiuti gli otto anni e mezzo, tutti i piccoli sono stati sottoposti a test per quantificare intelligenza e capacità cognitive. Gli esami hanno rivelato un legame tra quoziente
d’intelligenza ed alimentazione: in particolare, i bambini che consumavano junk food mostravano un intelligenza inferiore, anche se leggermente (IQ inferiore di 5 anni). Ed il risultato
rimaneva valido anche dopo aver eliminato i fattori di disturbo, come istruzione della madre, livello socio-economico della famiglia, e durata dell’eventuale allattamento al seno.

Secondo gli studiosi, alla base del tutto vi è il sistema di sviluppo del cervello: dare al bambino alimenti poco sani nel periodo della crescita potrebbe determinare uno sviluppo
interiore, poi (quasi) impossibile da modificare.

Conclude infatti la dottoressa Emmett: “I bambini che mangiano troppi cibi zuccherati o confezionati non hanno abbastanza vitamine, che significa che il loro cervello non può raggiungere
il suo livello ottimale. Una sana alimentazione nei primi anni di vita é essenziale perché è il periodo in cui il cervello cresce più rapidamente”.

FONTE: Jenny Hope, “Danger of a junk food diet for children: Study reveals toddlers who eat more chips, crisps, biscuits and pizza have lower IQ”, Mail Online 08/02/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento