Celiachia: una pasta senza glutine dalle banane verdi

Celiachia: una pasta senza glutine dalle banane verdi

Notizie positive per i celiaci. Dal Brasile arriva una nuova pasta senza glutine, la cui farina porta diversi vantaggi rispetti ai prodotti tradizionali.

E’ l’invenzione di una ricerca dell’Università del Brasile, diretta dalla dottoressa Renata Zandonadi e pubblicata sul “Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics”.

Gli esperti brasiliani hanno utilizzato come materia prima le locali banane verdi, viste come “Sottoprodotto di basso valore commerciale, e hanno uno scarso uso a livello industriale”. Dal
frutto si è ottenuto farina, poi usata per creare una pasta gluten free. Dopodiché, la pasta è stata sottoposta ad esami di laboratorio e controlli di volontari.

I test hanno detto come la nuova pasta ha buone dosi di proteine ed una riduzione del livello di grasso superiore al 98%.

I controlli hanno invece coinvolto 75 persone, divise in due gruppi: il primo era composto da 50 sani, il secondo da 25 malati di celiachia. Per entrambi i gruppi, le prove d’assaggio hanno
contrapposto la nuova pasta con altri tipi di pasta per celiaci. E, in entrambi i gruppi, le prove d’assaggio hanno fatto rilevare come la pasta di banane verdi avesse aroma, sapore,
consistenza e qualità più elevata rispetto alle vecchie qualità. Inoltre, esami medici sul loro organismo hanno evidenziato come la nuova pasta aiutasse a gestire parametri
come indice glicemico, colesterolo, regolarità intestinale e fermentazione della flora batterica.

Infine, l’aspetto economico. Come ricorda la capo-ricercatrice, l’eventuale diffusione della nuova pasta aiuterà i coltivatori di banane che avranno, “La possibilità di
diversificare ed espandere il mercato”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento