Catherine Lewington, cavia umana per combattere l’ influenza

Catherine Lewington, cavia umana per combattere l’ influenza

Catherine Lewington è una signora inglese affetta da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Per verificare l’ effetto di virus influenzali (tra cui il virus H1N1) la signora Lewington ha accettato di collaborare ad una ricerca dell’Imperlai College Healthcare NHS Trust coordinati da
Joseph Footitt: i medici, guidati dal dottor Joseph Footitt la infetteranno con il virus RV16.

Scopo dello studio è verificare l’ evolversi della situazione clinica quando un’ individuo con la salute dei polmoni già compromessa viene colpito da un influenza stagionale. A
riguardo, il dottor Footitt spiega come “Se le persone sane nella maggior parte dei casi da un’influenza ricevono soltanto muco al naso e al massimo qualche linea di febbre, i pazienti con
una funzionalità respiratoria compromessa almeno in parte hanno sintomi più intensi come mancanza di respiro, tosse intensa e così via”.

Riguardo a Catherine, ecco la sua filosofia: “Per me è la prima influenza indotta artificialmente, ovviamente, e posso monitorare minuto per minuto quali effetti ha l’infezione su di
me. Molto eccitante in un certo senso, vedere i sintomi apparire uno dopo l’altro. Non sono una martire. Ma quando mi hanno chiesto se volevo fare da cavia ho detto sì: mi tengono sotto
controllo, non corro rischi ma al tempo stesso posso aiutare tanta gente che soffre della mia stessa condizioni”

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento