Castelfranco V.to (TV): Antiruggine, Mario Brunello e Lynn Carver

 

Ci sono tre situazioni assolutamente uniche a monte di questa mostra: un’artista veramente originale, un grande violoncellista e un singolare sodalizio di intellettuali. Il tutto nei
pochi chilometri che separano Castelfranco, città del Giorgione, dai Colli Asolani, con l’America sullo sfondo.

E’ dagli Stati Uniti, ed esattamente da Ithaca (nome assolutamente anch’esso non casuale per chi voglia credere ai segni del destino) che arriva Lynn Carver. Approda, negli anni ’80, in
una antica casa di pietra tra i boschi dei Colli Asolani, un luogo assolutamente differente rispetto alla New York che nel precedente decennio l’aveva vista protagonista. Ad Asolo Lynn,
con il marito Euro, ha creato un suo angolo di mondo, al riparo dall’invadenza di quei vortici newyorkesi che dissipano energie e consumano relazioni, legami, persone.

A strapparla da un buen retiro dove la creatività si è fatta esercizio intimo, da non ostentare, è stato un altro grande artista, Mario Brunello, tra i più
grandi violoncellisti oggi al mondo. Come nelle favole, egli, gran camminatore, si imbatte nella casa di Lynn, conosce l’artista, si innamora della sua opera e scalfisce ritrosie
divenute scelte di vita.

Il terzo fattore è un sodalizio del tutto particolare che Mario Brunello, con la moglie Arianna, ha creato a Castelfranco Veneto. Qui, in un capannone industriale, a ridosso
dell’antica città murata, i Brunello hanno voluto Antiruggine, un luogo «per dar vita ai pensieri e alle idee, per non lasciare la nostra mente alla ruggine». Dove si
forgiava il ferro, nel primo anno e mezzo di vita di Antiruggine sono passate decine di artisti, grandi musicisti, scrittori, poeti, ricercatori, registi, intellettuali che si sono
messi non su un palco ma in mezzo alla gente, non a recitare una parte ma a confrontarsi con chiunque lo volesse: ad Antiruggine non c’è un biglietto di ingresso, non c’è
neppure un manifesto, non un annuncio sui giornali, tutto si basa sul passaparola, un passaparola che stipa regolarmente il capannone.

Tra i tanti amici dei Brunello e di Antiruggine: Alessandro Baricco, Stefano Benni, Vinicio Capossela, Giuseppe Cederna, Andrea Lucchesini, Carlo Mazzacurati, Moni Ovadia, Marco
Paolini, Danilo Rossi, Paolo Rumiz, Tobia Scarpa, Sonig Thakerian.

In questo contesto, lontanissimo, e non solo geograficamente, dalle gallerie newyorkesi d’un tempo, Lynn ha accettato di mostrare le sue opere. Sono il risultato di un lavoro estenuante
che si serve di taglio e cucito, orgogliosamente – come scrive il curatore Daniele Capra – svolto in prima persona, per costruire mappe geografiche, comporre ritratti, scrivere con il
filo pagine di giornali o guide telefoniche. Le numerose ore passate a progettare i lay-out, a realizzare in solitudine le infinite operazioni di cucitura di lavori talvolta di grandi
dimensioni, testimoniano una sensibilità fortemente vocata alla pratica orientale dello zen, nonché un calibratissimo controllo emozionale, in grado cioè di gestire
le complesse dinamiche temporali che intercorrono tra progetto e realizzazione. Gli unici compagni di viaggio sono la radio, e talvolta il sonnacchioso miagolio della vecchia macchina
da cucire a pedale, che vivono in simbiosi nel tranquillo sottotetto da cui si vedono le fronde degli alberi.

Pur essendo del tutto analoghe le procedure di lavoro, sono tre i filoni principali della ricerca di Lynn Carver, e si possono condensare nei Ritratti, nelle Mappe, e nelle opere in cui
è predominante l’aspetto del lettering. I ritratti – annota il curatore – nascono casualmente negli anni Settanta, quando sceglie di miniaturizzare le dimensioni di un copriletto
e realizza, in piccola dimensione, un letto con tanto di lenzuola e cuscini. Quel letto racconta le difficoltà e la vita del committente (un amico) di cui diventa inevitabilmente
strumento d’analisi psicanalitica. Successivamente i Ritratti prenderanno anche altre forme ma continueranno ad essere fortemente legati alla dimensione dell’alcova, declinata ogni
volta con la leggerezza o la complessità del caso.

Le Mappe di città sono invece naturale situazione privilegiata di corrispondenze topografiche tra realtà differenti e diventano, nella dinamica narrativa che soggiace al
tessuto (che è un piccola tessera di un enorme mosaico appartenuto all’artista), luoghi di legami e di simboli. Punti di snodo tra mondi prima incompenetrabili. La prima pagina
di un giornale, un foglio strappato delle pagine gialle, un album di foto di famiglia. Sono questi i lavori di Lynn Carver in cui emerge la passione per le lettere, per i testi, da
intendersi nel loro sviluppo grafico. Con forza quelle scritte lei ha spesso ricreato, talvolta fedelmente molte altre dando l’illusione di esserlo. Ma, come ovvio, in questa selva di
rimandi, non farebbe alcuna differenza.

Il lavoro di Lynn ha affascinato, oltre che Mario Brunello, molti amici di Antiruggine, che hanno voluto offrire alla mostra una loro testimonianza (da Alessandro Baricco a Paolo Rumiz,
ad Aldo Cibic), nonchè Dario Cimorelli, gran patron di Silvana, che ha volto stampare il catalogo.

Con il passaparola che nasce dalla comunanza di riflessioni e obiettivi, prima ancora che la mostra abbia preso definitivamente forma, è già stata
«calendarizzata» da altre sedi, in un circuito sorprendentemente esteso di luoghi non alternativi ma complementari a quelli dell’ufficialità delle mostre. Prima sede,
dopo Antiruggine, sarà Artesella a Borgo Valsugana.

Poiché Antiruggine non è una galleria d’arte, la mostra di Lynn Carver sarà visitabile, per un primo periodo, ovvero dall’inaugurazione e sino all’Epifania, tutti i
pomeriggi dalle 15 alle 18 (lunedì, Natale e Capodanno esclusi) poi nelle sole serate Antiruggine il cui calendario è consultabile sul sito
https://brunelloantiruggine.blogspot.com/

LYNN CARVER. Fili. Castelfranco Veneto (Treviso), Antiruggine (Borgo Treviso 158), dal primo dicembre 2008 al 17 febbraio 2009. Mostra promossa da Mario e Arianna
Brunello, a cura di Daniele Capra. Catalogo Silvana Editoriale con interveti del curatore e di Mario Brunello, Alessandro Baricco, Aldo Cibic, Euro Pavanetto e Paolo Rumiz.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento