Carne rossa, un gene dice se fa male

Carne rossa, un gene dice se fa male

Gli effetti della carne rossa sono legati ad un gene: se presente, aumenta il rischio di carne rossa. Detto questo, è possibile difendersi.

Queste le informazioni principali di una ricerca
dell’Università della California Meridionale, diretta dalla dottoressa Jane Figueiredo e presentata al recente meeting annuale della American Society of Human Genetics 2013.

Gli scienziati sono partiti da un ipotesi: il rischio di cancro al colon retto dipende dall’alimentazione, carni rosse e lavorate, ma anche da alcune vulnerabilità genetiche.

In cerca di risposte, il team di lavoro ha esaminato 18.404 volontari, i 9.287 pazienti col tumore e 9.117 soggetti sani, prendendo in considerazione un totale di 2,7 milioni di sequenze
genetiche.

E’ così emerso come i soggetti portatori della mutazione ‘rs4143094’ in una regione del cromosoma 10, che include anche il gene GATA3, avessero un rischio di cancro al colon maggiore.

Detto questo, anche dati positivi: una mutazione del cromosoma 8 riduce infatti il rischio di tumore, ma solo se il portatore consuma molta frutta e verdura.

Più in generale, spiega la dottoressa Figueiredo, i risultati provano come la genomica sia il futuro dell’alimentazione: conoscendo le particolarità del DNA, si possono
prescrivere diete personalizzate, evitando (o riducendo il rischio) di particolari malattie.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento