Bpco: cavoli e broccoli fanno respirare meglio

Bpco: cavoli e broccoli fanno respirare meglio

Sfruttare la chimica di broccoli, cavoli e compagnia per combattere meglio la Broncopneumopatia cronica ostruttiva, Bpco.

E’ quanto propone una ricerca della Johns Hopkins University (Baltimora, USA), diretta dai dottori Shyam Biswal e Rajesh Thimmulappa e pubblicata sul “Journal of Clinical Investigation”.

La terapia standard contro la Bpco prevede l’uso di farmaci corticosteroidi, che colpiscono l’infiammazione, causa primaria della malattia: tuttavia, non sempre le medicine hanno grande
efficacia.

Per trovare un rimedio a ciò, gli esperti hanno lavorato in laboratorio con cellule malate, trattandole con corticosteroidi ma accoppiandoli con sulforafano, elemento presente nei
cavoli, broccoli e le altre crucifere. E’ così emerso come i farmaci fossero stati potenziati dal sulforafano.

La Broncopneumopatia è una malattia dalle cause diverse (in primis il fumo di sigaretta) ma dallo svolgimento uniforme: un’infiammazione delle vie aeree che distrugge il tessuto
polmonare.

Tutto questo danneggia grandemente l’aspettativa e la qualità della vita dei pazienti. Perciò, spiegano gli esperti, è meritevole dare spazio alle potenziali migliorie
nella terapia.

FONTE: Deepti Malhotra, Rajesh K. Thimmulappa, Nicolas Mercado, Kazuhiro Ito, Ponvijay Kombairaju, Sarvesh Kumar, Jinfang Ma, David Feller-Kopman, Robert, Wise, Peter Barnes and Shyam
Biswal, “Denitrosylation of HDAC2 by targeting Nrf2 restores glucocorticosteroid sensitivity in macrophages from COPD patients”, J Clin Invest. doi:10.1172/JCI45144

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento