Artrite reumatoide, l’ecografia riduce il rischio di ricadute del 50%

Artrite reumatoide, l’ecografia riduce il rischio di ricadute del 50%

Tramite ecografia, è possibile aumentare il controllo sull’artrite reumatoide, aumentando il benessere dei pazienti e riducendo le ricadute, anche del 50%.

Questo il metodo proposto da una ricerca dell’Università Cattolica (di Roma, Italia), diretta dal dottor Gianfranco Ferraccioli e pubblicata su “Annals Rheumatic Diseases”.

Come sostengono i creatori, la forza del sistema è nelle insidie della malattia. L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica, in grado di provocare dolore fisco e
danni all’organismo se non viene trattata adeguatamente. Ciò non è facile: le cure devono essere modellate sull’evoluzione del disturbo, al fine di evitare recidive ed allo stesso
tempo scansare l’eccesso di farmaci. Detto altrimenti, la terapia è un qualcosa di fluido, un difficile equilibrio tra due soluzione sbagliate.

Di conseguenza, nella sola Italia 4 malati su 6 non ricevono cure adeguate a causa di diagnosi errate. Inoltre, spiega Ferraccioli, “Si stima che il 40-60% dei pazienti in cura vada incontro a
ricadute o perché la terapia non è adeguata o perché i farmaci provocano effetti collaterali e quindi devono essere sospesi”.

Infine, i medici hanno degli strumenti di valutazione non sempre precisi: ad esempio, di solito le cure vengono sospese quando il paziente non ha sintomi da 12 mesi. Metodo empirico, ma a
precisione variabile, in quanto le recidive non sono sempre facili da individuare.

Allora, la squadra della Carrolica propone un sistema più sicuro: la sospensione dei farmaci viene autorizzata dopo un ecografia alle articolazione. Se la remissione è vecchia di
almeno 6 mesi, scatto lo stop. Così facendo, si evita l’abuso di farmaci ed il rischio di ricadute cala del 50%.

FONTE: Giusy Peluso, Alessandro Michelutti, Silvia Bosello, Elisa Gremese, Barbara Tolusso, Gianfranco Ferraccioli, “Clinical and epidemiological research: Concise report: Clinical and
ultrasonographic remission determines different chances of relapse in early and long standing rheumatoid arthritis”, Ann Rheum Dis 2011;70:172-175 Published Online First: 19 November 2010
doi:10.1136/ard.2010.129924

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento