Bologna Granitium di Ballarini: l’antiaderente dal cuore di pietra

Bologna Granitium di Ballarini: l’antiaderente dal cuore di pietra

Bologna Granitium di Ballarini: l’antiaderente dal cuore di pietra

Impariamo a cucinare con gusto, in salute senza trascurare la praticità

di Mascia Maluta

Cuocere significa sostanzialmente porre sul fuoco un recipiente contenente sostanze organiche fino a riscaldarne il contenuto e renderlo commestibile, ma per chi ama la cucina ha un significato più profondo: rendere il contenuto eccellente. Fondamentale è la scelta giusta di quale strumento di cottura utilizzare.

bologna-granitium_10pcs-set_-10pzBallarini presenta Bologna Granitium, la nuova collezione di utensili di cottura firmata Ballarini, adotta accorgimenti tecnico-qualitativi che si fanno portavoce di una cucina gustosa e salutare.

Uno spessore di alluminio alto consente un’ottima distribuzione del calore, accorgimento fondamentale per evitare punti di surriscaldamento del fondo che potrebbero compromettere la corretta cottura dei cibi. Il rivestimento interno Granitium, rinforzato con particelle minerali, oltre a mantenere le sue indiscutibili doti di antiaderente consente risultati straordinari anche in caso di cottura alla piastra: già a 200°C si ottiene infatti una perfetta reazione di Maillard, un grande vantaggio se si considera che superati i 250°C le proteine perdono le loro proprietà nutrizionali.

Quante volte in cucina ci chiediamo se la pentola ha raggiunto la temperatura di inizio cottura e se possiamo poi abbassare la fiamma per sfruttare il calore ed evitare sprechi di energia.

E se la pentola è tornata fredda possiamo appoggiarla sul tavolo, toccarla e lavarla senza problemi?

A queste domande Thermopoint risponde con il familiare codice rosso/verde di una cella termosensibile posta alla base del manico. Thermopoint diventa rosso quando la pentola è calda al punto giusto per la cottura e ritorna verde quando – finita la cottura – la pentola è di nuovo fredda e può essere tranquillamente lavata, toccata, appoggiata.

E infine la possibilità di cuocere su piani a induzione. A partire dalla sua diffusione in Europa Ballarini sviluppa fondi specifici per questo tipo di tecnologia. Performance eccellenti e riconoscimenti internazionali sanciscono la vocazione dell’azienda alla sicurezza, alla funzionalità e al risparmio energetico.

La collezione Bologna Granitium è dotata di Radiant, l’ultimo brevetto Ballarini specifico per fondi a induzione: consente il quasi totale utilizzo dell’energia elettrica erogata ed eccellenti performance in termini di stabilità del fondo. In base ai capitolati dettati da LGA, il brevetto Radiant è il primo fondo Ballarini che passa i criteri di concavità in relazione agli spessori di applicazione più bassi in assoluto: ne consegue un utilizzo più ridotto di alluminio e un ottimo risultato in termini di competitività economica.

La serie Bologna è dotata di rivestimento antiaderente Granitium, il primo antiaderente rinforzato con particelle minerali che garantisce una cottura più asciutta simile a quella effettuata direttamente su pietra. Pur mantenendo la praticità d’uso dei classici rivestimenti antiaderenti che consentono di cucinare senza oli e grassi, le prove tecniche hanno infatti dimostrato che Granitium consente anche una rosolatura perfetta a bassa temperatura, condizione ideale per conservare i valori nutritivi degli alimenti in assenza di liquidi.

Per cuocere bene la carne all’esterno, mantenendo all’interno i succhi che la rendono morbida, si ricorre abitualmente alla brace o alla padella di ferro, con temperature che arrivano a 400°C. Grazie al rivestimento Granitium si può ottenere lo stesso risultato lavorando a 200°C, quindi con una modalità di cottura più salutare. Inoltre, si cuoce in meno tempo e senza fumi.

Casella di testo:
Granitium è il risultato delle nanotecnologie sviluppate dal reparto Ricerca e Sviluppo della Ballarini che da sempre controlla la qualità 7 giorni su 7, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno come dichiarato dal simbolo riportato sul packaging del prodotto.

 

Mascia Maluta
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento