FREE REAL TIME DAILY NEWS

Allergie, in aumento per il fast food

Allergie, in aumento per il fast food

By Redazione

Il cibo da fast food, ricco di additivi e conservanti, può essere tra le prime cause di allergie nel mondo occidentale.

Questo il messaggio di una ricerca del ’Health and Social Care Information Centre (Gran Bretagna) pubblicata dal Daily Mail.

Gli studiosi hanno iniziato rilevando i dati relativi ai ricoveri per allergie negli ospedali britannici. Ad un primo controllo, è emerso evidente il loro aumento 16.923 di cinque anni fa, 18.860 del 2011/12, 20.320 nell’anno in corso. Più in generale, il numero dei pazienti è quadruplicato dagli anni Novanta ad oggi: in cima alla lista, ricoveri per allergie alimentari, dovute al consumo di latte, arachidi ed uova. Spesso, il soggetto non è a conoscenza del suo problema, è deve essere ospedalizzato quando questo si manifesta in tutta la sua gravità.

Secondo il team del Centro, le cause sono principalmente due.

L’eccesso di igiene: “tutelato” da saponi e deodoranti, l’organismo non si espone ai batteri e non sviluppa un valido sistema immunitario.

Ma sopratutto, la cattiva alimentazione. Da un lato, lo junk food, tipico dei fast food, ricco di additivi e conservanti e povero di nutrienti valido. Dall’altro, una cattiva alimentazione in generale, povera di sostanze come omega-3, antiossidanti e vitamina D.

Come prova della loro tesi, gli studiosi portano il confronto tra la situazione della Gran Bretagna (15% di allergici tra gli abitanti) e Cina e Turchia (2-3%). Per i ricercatori, aldilà di una maggiore diffusione dei controlli specialistici, lo stile di vita e l’alimentazione più naturale è la causa della diversa percentuale.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: