Alitalia, ancora disagi per i viaggiatori

 

Un’altra giornata di disagi per i viaggiatori di Alitalia. Lo sciopero di 4 ore proclamato dal sindacato Sdl, dalle 10 alle 14, ha portato già alla cancellazione di circa 30 voli
in tutt’Italia. A Fiumicino, invece, sempre a causa dell’agitazione indetta dall’Sdl, per Cai sarebbero stati soppressi 4 voli internazionali Alitalia diretti ad Algeri, Mosca, Cairo e
Malta, e tre nazionali, uno per Palermo e 2 per Milano Linate. I passeggeri del primo gruppo sono stati riprotetti sui voli di altre compagnie aeree, gli altri su collegamenti
successivi. Per Sdl, invece, i voli cancellati nello scalo aeroportuale romano sarebbero 10.

Dal presidio dell’Sdl, cominciato alle 10 davanti al varco equipaggi dello scalo romano, i manifestanti fanno sapere che i motivi della protesta (la prima dell’era Cai) sono “le
migliaia di esuberi tra cassaintegrati e precari”, le condizioni di lavoro giudicate “pesantissime”, i criteri di assunzione applicati da Cai, la “mancata applicazione da parte della
nuova società della normativa sociale a tutela della maternità e paternità e dell’assistenza ai parenti disabili”.

“Per quanto ci risulta – ha detto dal presidio il segretario nazionale dell’Sdl, Andrea Cavola – Alitalia, per limitare i disagi, ha richiamato in servizio una trentina di
cassaintegrati a tempo determinato. Un segnale che ci spinge a continuare nella lotta”.

E non sono soli nella loro protesta i lavoratori iscritti all’Sdl. Con loro oggi ci sono anche alcuni dipendenti delle Cooperative Sar e Siat, rimasti senza lavoro dal giorno di avvio
della nuova Alitalia per la soppressione da parte di Cai del servizio “navetta” per gli equipaggi. Chiedono un ricollocamento nello scalo aeroportuale.

Leggi Anche
Scrivi un commento