Nutrimento & nutriMENTE

Alimentare: Una nocciola su 3 in Italia è turca

Alimentare: Una nocciola su 3 in Italia è turca

By Redazione

Viterbo – S’annuncia a tinte fosche la campagna di raccolta delle nocciola 2010 nella Tuscia, principale produttrice nazionale con circa 40mila tonnellate l’anno. Secondo Coldiretti
Viterbo, il mercato italiano, anche quest’anno, sarà invaso da 25 milioni di kg di nocciole turche. “In pratica – spiega il direttore Gabriel Battistelli – una nocciola su tre usata in
Italia è Turca”.   

Secondo quanto affermato dall’organizzazione durante un’audizione parlamentare, la concorrenza di Ankara, oltre ad essere sleale, mette a rischio la stessa sopravvivenza della nocciolicoltura
nazionale. “Il governo Turco – dice il presidente Leonardo Michelini – ha concesso un aiuto di stato di 700 euro per ogni ettaro di coltivazione. Una misura che copre quasi completamente il costo
di produzione. Quindi, il prezzo delle nocciole d’oltre Bosforo, già basso per il minor costo della manodopera, degli agro farmaci e dei macchinari, è destinato a ridursi
ulteriormente”.   

In Italia, invece, la spesa di conduzione va dai 2.500 ai 3 mila euro l’ettaro. Ad avviso di Michelini, “é indispensabile che la Commissione Europea vari un regime di sostegno analogo
a  quello turco, concedendo ai produttori 2.500-2.800 euro l’ettaro. Inoltre va attivato un osservatorio permanente sulle nocciole, per monitorare la situazione di mercato e il meccanismo di
formazione dei prezzi al fine di evitare un ‘cartello’ tra operatori commerciali a danno dei produttori”. 

Ansa.it per NEWSFOOD.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: