Alimentare: Coldiretti, valgono 3,9 mld i formaggi tipici Made in Italy

Alimentare: Coldiretti, valgono 3,9 mld i formaggi tipici Made in Italy

E’ di 3,9 miliardi il fatturato al consumo realizzato sul mercato nazionale dai 35 formaggi italiani a denominazione di origine (Dop). E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Ismea
relativi al 2008, in occasione dell’apertura di Cheese la manifestazione internazionale dedicata al meglio della produzione internazionale di formaggi organizzata da Slow Food che si svolge a
Bra.

A salire sul podio dei formaggi a denominazione di origine più apprezzati dagli italiani ci sono – sottolinea la Coldiretti – il Parmigiano Reggiano con 1,3 miliardi di euro e il Grana
Padano con 1,2 miliardi. Un gradimento che si estende anche all’estero dove le esportazioni di formaggi Dop sono state pari a 705 milioni di euro, quasi il 20 per cento del fatturato realizzato
in Italia.

L’espansione sui mercati esteri è però frenata dalla insostenibile presenza di formaggi “taroccati” che tolgono spazio al vero Made in Italy. I Paesi dove sono più diffuse le
imitazioni sono Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti dove – denuncia la Coldiretti – appena il 2 per cento dei consumi di formaggio di tipo italiano sono soddisfatti con le importazioni di
formaggi Made in Italy, mentre per il resto si tratta di imitazioni e falsificazioni ottenute sul suolo americano con latte statunitense in Wisconsin, New York o California. Ma a preoccupare sono
anche le tendenze di Paesi emergenti come la Cina dove il falso Made in Italy è arrivato prima di quello originale e rischia di comprometterne la crescita. Le imitazioni del parmigiano
reggiano e del grano padano sono con il Parmesan la punta dell’iceberg diffuso in tutto il mondo, ma c’è anche – sottolinea la Coldiretti – il Romano prodotto nell’Illinois con latte di
mucca anziché di pecora o la Fontina danese e svedese molto diverse da quella della Val d’Aosta, l’Asiago e il Gorgonzola statunitensi.

Bisogna combattere un inganno globale per i consumatori che causa danni economici e di immagine alla produzione italiana sul piano internazionale cercando un accordo sul commercio internazionale
nel Wto per la tutela delle denominazioni dai falsi ma è anche necessario – sostiene la Coldiretti – fare chiarezza a livello nazionale ed europeo dove occorre estendere l’obbligo di
indicare in etichetta l’origine a tutti i prodotti lattiero caseari.

Con la mobilitazione della Coldiretti è stata ottenuta la presentazione da parte del Ministro Luca Zaia del Decreto sull’obbligo di indicare l’origine in etichetta per latte e derivati e
sul divieto dell’uso delle polveri per la produzione di formaggi che è ora al vaglio dell’Unione Europea. Il Decreto è un importante risultato perché obbliga a indicare
l’origine del latte impiegato nel latte a lunga conservazione e in tutti i prodotti lattiero caseari, ma vieta anche l’impiego di polveri di caseina e caseinati nella produzione di
formaggi.

Un intervento necessario per difendere le 40mila stalle italiane messe a rischio dall’importazione ogni giorno attraverso le frontiere di 3,5 milioni di litri di latte sterile, semilavorati e
polveri di caseina per essere imbustati o trasformati industrialmente e diventare magicamente – conclude – la Coldiretti – mozzarelle, formaggi o latte italiani, all’insaputa dei
consumatori.

Leggi Anche
Scrivi un commento