Addio carenza: ecco la super pillola di vitamina D

Addio carenza: ecco la super pillola di vitamina D

Una super pillola di vitamina D in grado di fornire la giusta dose di vitamina ai giovani quanto agli anziani; per ottenere tutto questo, basta assumerla 3 volte l’anno.

E’ quanto prospetta una ricerca dell’Università “La Sapienza” di Roma e del Policlinico Umberto I, diretta dal professor Salvatore Minisola e pubblicata su “Journal of Clinical
Endocrinology”.

L’equipe del professor Minisola ha lavorato con un gruppo misto di volontari, composto sia da anziani con gravi carenze di vitamina D, sia da giovani con carenze dovute alla scarsa esposizione
al sole. Tutti loro hanno ricevuto una dose di super pillola: 600 mila Unita’ (UI) di Colecalciferolo, la speciale vitamina D3 sintetizzata dal nostro organismo. In entrambi i casi, gli
scienziati hanno potuto constatare come il farmaco rimediasse ai danni ed alle alterazioni metaboliche provocate dalla scarsità di vitamina D.

Soddisfatta la dottoressa Elisabetta Romagnoli, co-autrice della ricerca: “Questo metodo permette di soddisfare pienamente quanti soffrono di deficit ormonali più o meno importanti e
quanti, per motivi vari, non si espongono abitualmente al sole. Molto frequente negli anziani, la carenza di vitamina affligge infatti sempre più’ spesso anche la popolazione
giovane-adulta, per lo più’ a causa di un’esposizione solare non sufficiente”.

Inoltre, come detto il sistema della super pillola permette di ottenere vantaggi a lungo termine: “Abbiamo la possibilità di somministrare la vitamina D con intervalli di alcuni mesi tra
una dose e l’altra, giacche’ i livelli nel sangue restano più o meno costanti per l’intero periodo. I vantaggi sono evidenti: per chiunque, a qualunque eta’, e’ molto più’ comodo
prendere un farmaco 3 o 4 volte all’anno, piuttosto che tutti i giorni”.

La carenza di vitamina D è associata ad un gran numero di disturbi, dall’osteoporosi alla debolezza muscolare fino (secondo alcune ricerche) a tumori e malattie croniche.

Obiettivo della ricerca italiana è anche combattere tali problemi, rendendo più facile l’assunzione della sostanza.

Fonte: Cristiana Cipriani, Elisabetta Romagnoli, Alfredo Scillitani, Iacopo Chiodini, Rita Clerico, Vincenzo Carnevale, Maria Lucia Mascia, Claudia Battista, Raffaella Viti, Mauro
Pileri, Cristina Eller-Vainicher, and Salvatore Minisola, “Effect of a Single Oral Dose of 600,000 IU of Cholecalciferol on Serum Calciotropic Hormones in Young Subjects with Vitamin D
Deficiency: A Prospective Intervention Study”, J. Clin. Endocrinol. Metab., Rapid Electronic Publication first published on Jul 21, 2010 as doi:doi:10.1210/jc.2010-0502

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento