Addio alle bruttone. Le donne si fanno sempre più belle

Addio alle bruttone. Le donne si fanno sempre più belle

Dalla comparsa della specie umana le donne hanno continuato a migliorare il proprio aspetto fisico.

A dirlo, una ricerca dell’ Università di Helsinki riportata da numerosi giornali inglesi.

Gli studiosi sono giunti a tale conclusioni analizzando 2000 tra uomini e donne americani, seguendoli per 40 anni circa.

In particolare, sono state valutate bellezza (stimata tramite fotografie) e numero dei figli avuti dai soggetti.

I dati hanno così evidenziato come gli uomini più attraenti hanno 13 % di probabilità’ in meno di avere figli rispetto agli uomini meno belli; inoltre, le persone di bell’
aspetto hanno il 36% in più di avere una femmina come primo figlio.

Infine, i ricercatori hanno scoperto che le donne belle hanno il 16% delle possibilità’ in più’ di avere figli rispetto alle donne meno attraenti.

Gli scienziati sottolineano come tale fenomeno porti all’ estinzione delle donne brutte.

Le belle signore, infatti, hanno più figlie, che a loro volta erediteranno la bellezza delle madri, che passeranno alle loro discendenti, e cosi via.

Per gli studiosi, tale processo, oramai parte del DNA umano, è sopravvissuto fino a noi in quanto portatore di vantaggi, per ora ignoti.

Ecco l’ opinione del dottor Satoshi Kanazawa, uno psicologo evoluzionista della London School of Economics: “L’attrattiva fisica e’ una caratteristica molto ereditabile, che aumenta
proporzionalmente il successo riproduttivo delle figlie molto più’ di quello dei figli.

Se i genitori più’ attraenti hanno più’ figlie e se l’attrattiva fisica e’ ereditaria ne consegue logicamente che le donne nel corso di molte generazioni sono diventate
gradualmente più’ attraenti fisicamente, in media, rispetto agli uomini”.

Se le signore stanno migliorando la loro bellezza, lo stesso non si può dire dei loro compagni: secondo lo studio,infatti, l’aspetto degli uomini è rimasto relativamente immutato.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento