Stop all’ ipertensione femminile: sei regole per combatterla

Stop all’ ipertensione femminile: sei regole per combatterla

L’ ipertensione femminile (e le diverse malattie cardiovascolari ad essa collegata) è uno dei disturbi più diffusi.

In Italia, secondo le statistiche dell’ Università La Sapienza di Roma, ne soffrono il 33% degli uomini e il 31% delle donne, con una condizione di rischio maggiore nei maschi (19%)
rispetto al gentil sesso (14%).

Ora le donne hanno un arma in più per difendere la propria salute.

Secondo una ricerca, opera del Brigham and Women’s Hospital e dell’Harvard Medical School, pubblicata su Jama (Journal of American Medical Association) le donne possono migliorare i livelli di
pressione arteriosa sei semplici regole.

La “ricetta” prescrive: un basso indice di massa corporea, 30 minuti al giorno di esercizio fisico, un consumo moderato di alcol, l’integrazione di acido folico, una dieta con un elevato
punteggio secondo la scala Dash (Dietary approaches to stop hypertension regimi alimentari che prevengono l’ipertensione), l’uso di farmaci analgesici meno di una volta la settimana.

Se il regolamento viene applicato si previene “La maggior parte dei casi di ipertensione nelle giovani donne, indipendentemente dalla loro storia clinica familiare e dall’uso di contraccettivi
orali. Una scoperta che suggerisce che la prevenzione funziona e che nessuno è predestinato ad essere iperteso” come spiegano i medici coinvolti .

In ogni caso gli addetti ai lavori sottolineano come, prima di pensare ad una terapia a base di farmaci, gli ammalati di ipertensione dovrebbero adottare alcuni accorgimenti.

La pratica controllata di sport, un’ alimentazione sana a base di frutta, verdura, legumi, grano duro e alimenti a basso contenuto di grassi e che preveda poco sodio, un consumo limitato di
carni rosse e bevande dolcificate: strategie semplici che possono fare molto per il benessere (e non solo degli ipertesi).

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento