Ad Agrifood i prodotti delle aziende alla prova dei giovani Chef JRE per il palato dei buyers

Verona – Esporre non basta per far capire ai buyers internazionali la bontà dei prodotti agroalimentari italiani, così Agrifood (Verona, 16-18 novembre) apre le porte agli
chef dell’Associazione italiana Giovani Ristoratori Europei (JRE) per un servizio innovativo agli espositori e agli operatori specializzati provenienti da tutto il mondo.

Gli espositori potranno fornire uno dei loro prodotti come materia prima e gli chef prepareranno per la degustazione dei buyers, ma anche dei giornalisti stranieri, due ricette: una della
tradizione culinaria italiana e una creativa.
Agrifood, Salone Internazionale dell’Alimentare Made in Italy, risponde anche così all’esigenza che le piccole e medie imprese italiane hanno di farsi conoscere fuori dai confini
nazionali, esercitando contemporaneamente un’azione di promozione del prodotto italiano e di esaltazione della nostra cultura gastronomica.

La rassegna ha lo scopo di favorire «l’incontro» tra la produzione agroalimentare delle piccole e medie imprese italiane e tutti gli operatori della distribuzione, italiani e
stranieri. Le aree tematiche di Agrifood 2007 sono Agrifood Expo (area espositiva), Agrifood Show (area in cui in tre cucine a vista gli chef danno vita a una serie di prove
«degustative» con i prodotti forniti loro dagli espositori), Agrifood Team (area convegni dedicata alle problematiche riguardanti le Pmi del sistema agroalimentare italiano).
L’innovativa formula prevede tre giorni, dal 16 al 18 novembre, per conoscere e per vendere: giorni full time dedicati alla formazione e informazione delle aziende agroalimentari espositrici,
alla promozione dei propri prodotti e alla ricerca di nuovi partner commerciali tra operatori della gdo, grossisti, importatori/esportatori, retailer, horeca, financing provenienti dai mercati
di maggiore interesse e più alto potenziale, invitati con azioni mirate.
Partners per la formazione declinata negli workshop sono Mc Cann Erickson, Unicredit Banca d’Impresa e Arthur D. Little, COFACE, ISA rispettivamente per la comunicazione, la consulenza
finanziaria e l’internazionalizzazione delle pmi; per parlare di acquisizione e fusione di imprese è presente Arner Banking Corporation, una delle banche d’affari più dinamica sul
mercato europeo; infine per quanto riguarda la distribuzione innovativa e la diversificazione distributiva, Nestlè Food Services, Poste Italiane e la società Theorema portano il
loro contributo di conoscenze ed esperienza.

Leggi Anche
Scrivi un commento