A Udine Fiere conclusa con successo “GOOD”, la Fiera della Qualità a Tavola

A Udine Fiere conclusa con successo “GOOD”, la Fiera della Qualità a Tavola

Obiettivo raggiunto: con un 35% di visitatori paganti rispetto all’edizione di lancio del 2007, si è conclusa (domenica 18 ottobre) a Udine Fiere la 2^ edizione di GOOD, la Fiera della
Qualità a Tavola. Il segno più va messo davanti anche al numero di espositori presenti in quartiere: 30% visto che nel 2007 erano 240 e quest’anno 344. Ma a questi dati, che
già delineano il successo, la validità del progetto e il futuro del Salone che ha cadenza biennale, si aggiungono altre componenti positive da non sottovalutare: maggiore e
più consapevole è stato il coinvolgimento del pubblico durante la visita in Fiera; più domande agli espositori-produttori, più tempo dedicato a capire, ascoltare,
imparare partecipando direttamente alle dimostrazioni, ai corsi e ai laboratori; più interesse e più attenzione sulla qualità del prodotto, fatta non solo di gusto e
piacevolezza, ma anche di tutte quelle fasi che dall’origine lo accompagnano sulla nostra tavola, nella nostra bocca come ingrediente fondamentale di salute e benessere.

Un pubblico soddisfatto quello che ha visitato GOOD nei giorni scorsi e che oltre agli acquisti fatti in Fiera tra una vastissima offerta di prodotti unici, tipici ed eccellenti (molto appezzata
e particolarmente percepita come qualità è stata l’area del Buon Mercato, realizzata in collaborazione con Slow Food), si è portato a casa quel qualcosa in più che fa
la differenza: il sapere cosa c’è dietro ad un alimento, dal più semplice come il pane, al più complesso e raffinato come il vino.

La soddisfazione è anche degli espositori che in tre giorni di intenso lavoro hanno potuto entrare in contatto con le esigenze e le richieste di una domanda ampia ed eterogenea per
età, gusti, provenienza e settore professionale di appartenenza.

“GOOD è la strada giusta per rilanciare un settore chiave come l’agroalimentare e la ristorazione – afferma convinto il Presidente di Udine e Gorizia Fiere Sergio Zanirato: avevamo visto
giusto e con noi anche i partner che hanno sostenuto questo evento, vale a dire la Regione con Turismo FVG ed Ersa, la Camera di Commercio di Udine e una banca importante, particolarmente attiva
e propositiva su questo settore come la FriulAdria Crédit-Agricole. L’importanza dell’enogastronomia e la collocazione strategica di GOOD – commenta Zanirato – sono connotati fondamentali
per far sì che questa manifestazione raggiunga risultati ed evidenze ancor maggiori nell’area dell’euro-regione sviluppando potenzialità ancora inespresse”.

“Senza nulla togliere alla miriade di micro-eventi che si svolgono sul territorio per promuovere l’agroalimentare regionale, il ruolo e l’attività della Fiera hanno presupposti, contenuti
e finalità diverse che portano gli interessi delle imprese e degli  operatori oltre i confini regionali e nazionali come ha saputo fare GOOD intercettando e raccordando gli interessi
delle istituzioni e dei partner economici locali con quelli delle Camere di Commercio, delle Fiere, dell’Ambasciate e degli Istituti per il Commercio estero delle regioni di Alpe Adria. Su questa
prospettiva di apertura dobbiamo continuare a muoverci insieme per svolgere pienamente quel ruolo di promozione dell’economia regionale che spetta ad una realtà fieristica come la nostra,
nel cuore di una Regione che – come ha sottolineato il Ministro agli Affari Esteri Franco Frattini durante l’inaugurazione – “è crocevia dell’Europa” e GOOD ha tutte le carte in regola per
essere crocevia della qualità e dei prodotti d’eccellenza della Mitteleuropa”.

Soddisfazione per i risultati raggiunti da GOOD è stata espressa anche dall’Amministratore Delegato di Udine e Gorizia Fiere Claudio Gottardo, soprattutto per quanto attiene il contributo
dato da questa giovane e promettente manifestazione al processo di internazionalizzazione della Fiera: maggiore e fortemente rappresentativa è stata infatti la partecipazione di espositori
esteri rispetto al 2007 e questo evidenzia i tratti e la vocazione internazionale del Salone come baricentro di riferimento per il settore enogastronomico nell’area geografica ed economica di
Alpe Adria. Il successo di pubblico va ricondotto non solo alla più ampia e internazionale offerta commerciale degli espositori, ma anche alla formula che è stata maggiormente messa
a punto e curata dalla Fiera per far sì che gli oltre 100 eventi in programma siano stati tutti delle vere e proprie opportunità per essere protagonisti in Fiera ma soprattutto per
essere consumatori informati e consapevoli”.

udinegoriziafiere.it

Leggi Anche
Scrivi un commento