Vino “Mafiozo”: La Cia si associa alle proteste della Regione Puglia

Vino “Mafiozo”: La Cia si associa alle proteste della Regione Puglia

La vicenda del vino “Mafiozo” messo in commercio da un’azienda svedese nel Nord Europa con l’esplicito riferimento in etichetta all’Igp Salento è doppiamente grave: da un lato si
sfrutta ancora una volta la fama e la credibilità conquistati dal vino “made in Italy” nel mondo per farsi pubblicità e vendere di più; dall’altro si offende la reputazione
del nostro Paese con l’accostamento inaccettabile alla mafia e a personaggi negativi come “Lucky Luciano”. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

Per questo la Confederazione si associa alle proteste della Regione Puglia che chiede provvedimenti e sanzioni per i responsabili di questa triste operazione di marketing, che associa l’Italia
alla criminalità organizzata e parla di Indicazione geografica protetta per una bottiglia che è realizzata con uve salentine ma miscelate con il cosiddetto Zinfandel”
californiano.

Casi come questo -osserva la Cia- non soltanto compromettono l’immagine di un comparto d’eccellenza, com’è quello vitivinicolo, ma danneggiano i nostri produttori che lavorano sotto il
segno della qualità, della correttezza e della sicurezza alimentare.

Non bisogna dimenticare che la contraffazione sottrae ogni anno più di un miliardo all’agroalimentare nazionale, di cui il 20 per cento “scippato” proprio al mondo del vino. Un settore
in costante crescita -ricorda la Cia- con un incremento dell’export superiore al 9 per cento nella prima metà del 2013 e vendite sui mercati globali che potrebbero toccare per la prima
volta i 5 miliardi a fine anno, stabilendo un nuovo record storico.

www.cia.it


Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento