Vinitaly, tutti i profili del business

Vinitaly, tutti i profili del business

Sistema integrato per la promozione commerciale, Vinitaly è sempre più meta prescelta dai buyer di tutto il mondo. Nel 2008 sono stati 157 mila i visitatori specializzati, 43 mila
quelli provenienti da 110 Paesi. Di questi ultimi, il 49% sono grossisti, importatori/esportatori, agenti, mentre il 35% rappresenta la grande distribuzione, la vendita al dettaglio e il canale
horeca. Ampliati e razionalizzati gli spazi per rispondere alla crescente domanda degli espositori.

Con una grande degustazione presentata da Jancis Robinson , Gaja festeggia in esclusiva a Vinitaly i 150 anni della sua storia.

Il business è servito. Vinitaly, giunto alla 43° edizione (2-6 aprile 2009, http://www.vinitaly.com), anno dopo anno conferma la propria leadership internazionale grazie alla capacità
di creare un sistema di iniziative ed eventi che nel tempo ha trasformato l’esposizione di vini e distillati da semplice vetrina a rete di contatti tra gli operatori specializzati.

Così tramite concorsi, degustazioni, servizi internet per gli incontri B2B, seminari su consumatori e nuovi mercati e l’ampia offerta merceologica, che comprende anche i distillati, la
Rassegna ha saputo coniugare il business con la promozione dei prodotti e la formazione alle imprese.

Una gamma di servizi che ha reso Vinitaly la prima rassegna al mondo con più di 4.200 espositori da 35 Nazioni e 157 mila visitatori specializzati, di cui oltre 43 mila provenienti da 110
Paesi.

Per andare incontro alle richieste degli espositori, quest’anno gli spazi sono stati ottimizzati e ulteriormente ampliati, grazie anche al completo rifacimento del padiglione 1, dotato di 2.000
metri quadrati di pannelli solari, che verrà inaugurato proprio con Vinitaly. Nonostante ciò la lista d’attesa è ancora lunga. Molte le new entry di quest’anno, con
importanti presenze anche dall’estero.

Ad ogni edizione, Vinitaly potenzia inoltre la sinergia con Sol, Agrifood, il Grappa Tasting ed Enolitech, che allargano la prospettiva del settore proponendo vino e olio extravergine di oliva
abbinati a prodotti di qualità della gastronomia, distillati di alta gamma, la tecnologia per la cantina e il frantoio e i complementi e gli accessori per la degustazione e la
tavola.

A supportare l’offerta di servizi è presente la rete di delegati di Veronafiere nei più importanti Paesi del mondo; mentre il Vinitaly World Tour, attivo da un decennio, è
divenuto uno strumento efficace per incrementare l’internazionalizzazione delle aziende e del sistema agroalimentare made in Italy.

The World We Love, «il mondo che amiamo» è il concetto che sintetizza la filosofia di Vinitaly 2009: il vino prima di tutto, ma anche la qualità, il territorio,
l’ambiente e la sua tutela, gli uomini e le loro sfide.

La sfida del business. Nel 2008 oltre 57 mila operatori, il 42% dei quali stranieri, hanno ricevuto direttamente da Vinitaly l’invito a partecipare alla fiera, con un feedback positivo superiore
al 42%. Oltre 20 mila i buyer presenti, su 43 mila presenze estere totali da 110 Paesi (con un incremento del 25% degli operatori stranieri). Importante per il contatto tra espositori e buyer
anche la rete di delegati di Veronafiere in 35 Paesi; mentre nel Buyers’ club on line si sono registrate 882 aziende che hanno avuto, prima dell’inizio della rassegna, più di 1.100
contatti di visitatori esteri.

Nel 2008 gli operatori provenienti dall’estero sono stati per il 49% grossisti, importatori/esportatori, agenti, mentre per il 35% del settore vendita al consumo (gdo, dettaglianti, horeca,
ecc.).

Degustazioni e affari

Proposta con successo per la prima volta nel 2007, Taste Italy è un’iniziativa su invito rivolta agli operatori stranieri con degustazione assistita, ma libera nei tempi. La conoscenza
diretta dei vini e la scheda aziendale permette ai buyer di contattare direttamente i produttori presso i loro stand nei giorni della manifestazione.

Tasting Ex…Press offre invece le migliori produzioni mondiali presentate dalla più autorevoli testate internazionali del settore, mentre sono i produttori a presentarsi a giornalisti e
buyer in Taste and Dream, dedicato alle verticali d’eccellenza.

Con Trendy Oggi, Big domani, infine, vengono presentati i vini delle aziende emergenti selezionate da Luca Maroni, capaci di presentarsi sul mercato non solo per la qualità, ma per il
rapporto interessante e conveniente tra qualità e prezzo.

Da segnalare Bentornato Brunello! L’annata 2004, viaggio dentro una grande annata di un grande vino a cura del Gambero Rosso e Dodici bianchi immortali. I vini italiani da invecchiamento,
degustazione a cura di Civiltà del bere.

Degustazione e beneficenza per i 150 anni di Gaja

«Non c’è modo migliore per festeggiare questa ricorrenza che a Vinitaly» con una degustazione guidata da Jancis Robinson, nota wine writer britannica. Parola di Angelo Gaja che
celebra con questo unico appuntamento in calendario per il 4 aprile i 150 di impegno vinicolo della sua famiglia, a partire dalla fondazione della cantina avvenuta a Barbaresco nel 1859. La
partecipazione alla degustazione, che si annuncia come l’evento dell’anno a livello mondiale, è a pagamento e tutto il ricavato sarà devoluto a scopo benefico.

Vino e gastronomia

Punto di incontro tra vino, cibo e olio extra vergine di oliva, Vinitaly, Sol e Agrifood club organizzano in collaborazione con chef di fama internazionale laboratori gastronomici e degustazioni
di piatti realizzati con gli ingredienti della migliore tradizione culinaria italiana in abbinamento a una selezione di vini esposti. I Grandi Ristoranti di Vinitaly (Ristorante d’Autore, dei
Signori, Sol Goloso e Cittadella della Gastronomia) completano il menu della rassegna per soddisfare la curiosità enogastronomica dei visitatori più esigenti e degli ospiti
più importanti della manifestazione.

L’Italia del Vinitaly

È lo spazio che Vinitaly dedica su web alle Regioni, per poter presentare ben prima dell’inizio della rassegne e per tutto il periodo seguente i propri territori e le produzioni oleicole e
vitivinicole ad essi legati, le attività promozionali e anche le iniziative che si svolgono all’interno dei singoli stand durante Vinitaly.

Questa finestra privilegiata apre una panoramica sulle molteplici diversità che contraddistinguono le regioni italiane e che le rendono uniche al mondo.

Spazio ai wine lover

Evento collaterale atteso dagli appassionati non professionisti, Vinitaly for you ha ormai da anni un suo spazio ben definito dentro Vinitaly, ma «fuori» dalla manifestazione
(dedicata agli operatori specializzati), e si svolge infatti nel palazzo della Gran Guardia, nel cuore storico di Verona.

I wine lover sono anche l’oggetto di molti degli studi e delle ricerche commissionate da Vinitaly e presentate nei focus e seminari organizzati durante la fiera, perché è il
consumatore finale il vero protagonista del mercato.

Concorsi internazionali e riconoscimenti ai protagonisti del settore, tra promozione della qualità e del prodotto

Vinitaly si caratterizza da sempre per il suo impegno ad incentivare il miglioramento qualitativo dei vini. Strumento di questa politica sono anche i concorsi che ogni anno premiano le
eccellenze. Si tratta del Concorso Enologico Internazionale (25-29 marzo 2009, http://www.vinitaly.com/concorsoenologico), il più selettivo al mondo con solo il 3% di riconoscimenti assegnati sul
totale di 3.500 vini in media presenti), del Concorso Internazionale di Packaging (11 marzo 2009, http://www.vinitaly.com/concorsoenologico), nato per premiare la capacità delle aziende di dare
un’immagine efficace ai propri prodotti tramite bottiglie, etichette, tappi e chiusure, e del Premio internazionale Vinitaly che premia ogni anno chi, imprenditore o operatore del settore (media,
sommelier, winemaker etc.), si è particolarmente distinto nel corso della propria attività a favore del settore.

Per la sua selettività il Concorso Enologico Internazionale è ormai diventato una sorta di marchio di qualità per i vincitori, che trovano dentro a Vinitaly la vetrina
più adeguata e accordi commerciali e promozionali ad hoc, ad esempio con la Germania e il Giappone.

Vinitaly World Tour

Una formula collaudata che ottempera l’esigenza di coniugare costi di partecipazione per le aziende con l’efficacia del contatto: workshop, seminari, wine tasting, serate di Gala wine&food
sono le principali iniziative proposte nelle più importanti città di Cina, Giappone, USA, India e Russia. Il World Tour fa di Vinitaly un evento lungo un anno e il principale
veicolo di promozione commerciale e culturale della produzione vitivinicola e del sistema agroalimentare made in Italy nel mondo.

Per gli operatori dei Paesi visitati, Vinitaly rappresenta ormai un marchio di qualità a garanzia dei vini presentati. Prossime tappe: 9-11 Febbraio 2009 Vinitaly US Tour – Miami; giugno,
Vinitaly Russia, ottobre la seconda parte del Vinitaly US Tour, novembre Vinitaly China e Vinitaly Japan.

Leggi Anche
Scrivi un commento