Milano: 2.2 milioni di euro per la promozione e la valorizzazione del settore agricolo e delle filiere agro-alimentari

Milano: 2.2 milioni di euro per la promozione e la valorizzazione del settore agricolo e delle filiere agro-alimentari

Milano – Un patto per valorizzare il ruolo strategico del comparto agro-alimentare lombardo all’interno del sistema socioeconomico regionale, pensato per dare una risposta efficace e
competitiva alla difficile situazione economica attuale.

Sulla base di queste premesse, l’assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, Luca Daniel Ferrazzi, e il presidente di Unioncamere Lombardia, Francesco Bettoni, hanno presentato, nel
Palazzo della Regione, i dettagli sui 2,2 milioni di euro di investimenti diretti destinati a progetti di ricerca e sperimentazione, promozione del sistema produttivo tramite eventi fieristici in
Italia e all’estero, e sostegno alle diverse vocazioni produttive dei territori lombardi.

“L’incontro di oggi – ha detto Ferrazzi – è stata una buona occasione per assumersi la responsabilità di credere nella Lombardia come terra delle opportunità, per contribuire
allo sviluppo e alla competitività anche dell’intero sistema Paese. In questo momento, in cui l’economia stenta a ripartire, è importante iniettare fiducia e risorse alle aziende,
credendo nel sistema agro-alimentare lombardo così come negli imprenditori che lo muovono”.

Le linee di intervento presentate costituiscono la parte specificamente dedicata alla promozione e valorizzazione del settore agricolo e delle filiere agro-alimentari contenute nell’Accordo di
Programma per lo Sviluppo Economico e la Competitività del sistema lombardo, presentato nei giorni scorsi da Regione Lombardia.

“Le nostre imprese – ha dichiarato Bettoni – si sforzano costantemente per rimanere competitive e l’ottica del ‘fare sistema’ è la modalità vincente, soprattutto in questo momento
congiunturale così delicato e complesso  a livello globale. Da parte nostra, sentiamo fortemente la responsabilità di ampliare il mercato dei prodotti agro-alimentari
lombardi  e di rendere sempre più attrattivo il nostro sistema agro-alimentare per gli imprenditori, soprattutto per i giovani, e per i capitali esterni all’agricoltura”.

Tra le azioni di intervento previste nell’accordo, ricoprono particolare rilievo gli investimenti per la ricerca, quali la partecipazione diretta delle Camere di Commercio lombarde allo sviluppo
dei Poli Regionali di Carpaneta (Mantova) e Riccagioia (Pavia), dedicati alle principali filiere agricole regionali: vitivinicolo, lattiero-caseario, zootecnica – suinicola e
agro-energetica.

Oltre 1,1 milioni di euro verranno destinati a favorire la partecipazione delle imprese lombarde a manifestazioni fieristiche di settore, come Vinitaly e Tuttofood, a manifestazioni per
allevatori e multifunzionali (MalpensaCavalli e Agrivarese) e per la promozione di specifiche produzioni di eccellenza.

Altri 220.000 euro verranno invece destinati alla presentazione del Made in Lombardia sui mercati internazionali, in collaborazione con l’Istituto per il Commercio Estero e attraverso la
valorizzazione del turismo eno-gastronomico. Ben 90.000 euro saranno destinati ad azioni di rilevazione e analisi dell’andamento dei mercati e dei prezzi delle principali produzioni
lombarde.

Nel corso della conferenza stampa, Ferrazzi e Bettoni hanno inoltre presentato le iniziative specifiche dedicate a Tuttofood, la grande Fiera dell’Agroalimentare che si terrà presso gli
spazi di Fiera Milano dal 10 al 13 giugno. “Si tratta – ha ricordato Ferrazzi, di un’occasione di primaria importanza, che si propone tra l’altro di aprire un varco significativo verso i mercati
esteri per tutte le filiere agro-alimentari. È per questo che abbiamo previsto un sostegno diretto di 400.000 euro da destinare alle imprese, contribuendo significativamente alla loro
partecipazione”.

“L’iniziativa – ha aggiunto Bettoni – estende e completa l’esperienza significativa realizzata congiuntamente da Regione e Camere di Commercio lombarde per la filiera vitivinicola, con la
realizzazione del padiglione dei Vini di Lombardia al Vinitaly, che ha consolidato sul mercato nazionale ed estero l’apprezzamento per la ricca e variegata produzione vitivinicola lombarda,
costantemente  caratterizzata da elevata qualità”.

“La competitività – ha concluso Ferrazzi – si gioca oggi sulla velocità di adeguamento e sul miglioramento delle performance per l’immissione dei prodotti sui mercati. Tutti fattori
che dipendono fortemente dalla qualità e dalla serietà del contesto in cui le imprese operano e dall’efficacia ed efficienza dell’amministrazione pubblica a supporto delle sue
produzioni. Oggi vogliamo mandare un messaggio forte e significativo in questa direzione”.

Leggi Anche
Scrivi un commento