Uova e pancetta: mangiati in gravidanza rendono il bimbo più intelligente

Uova e pancetta: mangiati in gravidanza rendono il bimbo più intelligente

Uova e pancetta hanno una fama in chiaroscuro: vengono considerati sia pietanze saporite che cibi portatori di chili di troppo.

Ma includerli nella propria alimentazione durante la gravidanza aiuterebbe le donne incinte a sviluppare l’intelligenza dei bambini.

A dirlo, uno studio dell’University of North Carolina, diretto dal dottor Steven Zeisel e pubblicato dal “Federation of American Societies for Experimental Biology (FASEB) Journal”.

Per Zeisler e compagni, uova e gli alimenti a base di maiale contengono colina. Tale micronutriente viene assunto dalla madre ma influenza anche il feto, aiutandolo a sviluppare la parte del
cervello legata alla memoria ed ai ricordi.

I test di laboratorio hanno mostrato che i ratti, figli di madri che avevano assunto colina, mostravano un maggiore sviluppo celebrale delle prole di chi era stato privato di tale
elemento.
Spiega il dottor Zeisler: “I nostri studi sui topi indicano che la dieta di una madre, specialmente se contiene colina, può influenzare gli interruttori che controllano lo sviluppo del
cervello nel feto”.

Questo il parere del dottor Gerald Weissman, capo editore del “FASEB Journal”: Noi (medici) non potremmo mai chiamare a cuor leggero la pancetta un cibo salutare ma (studi come questo) ci
stanno facendo ripensare cosa considerare salutare e cosa no. Questo (studio) è solo l’ennesimo esempio di come una buona alimentazione prenatale è importante lungo l’intera vita
del bambino”.

LINK alla ricerca

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento