Università dei Sapori: La nuova sede verrà inaugurata il 14 ottobre 2011

Università dei Sapori: La nuova sede verrà inaugurata il 14 ottobre 2011

Erano gli inizi degli anni ’90 quando, ancora lontani dagli echi mediatici che il settore enogastronomico ed alimentare in genere avrebbe conosciuto nei tempi a venire, e che gli avrebbe regalato
un ruolo centrale non solo per l’economia ma per l’identità stessa del made in Italy, un gruppo di lungimiranti professionisti umbri, di pari passo con le intuizioni di alcune
organizzazioni di categoria e con la fiducia delle istituzioni, cominciarono a ragione su una vera e propria “scuola” dei sapori e dei saperi.

Un sogno da realizzare, certo, che nasceva però con fondamenta solide, volontà ferrea e, soprattutto, attraverso una attenta ed oculata indagine sociale e di mercato. Serviva una
struttura “nuova”, e non solo una nuova struttura, in grado di interpretare i bisogni presenti e futuri di un settore in via di rimodulazione, di garantire la trasmissione di una conoscenza
preziosa per le nuove generazione, frutto di un lungo lavoro sul campo.

Cominciano allora le prime esperienze formative, prima in ordine sparso e poi, via via, sempre più coordinate, frutto di una programmazione razionale e progressiva. Arrivano così
i primi riscontri e i primi importanti successi che fanno serrare le fila e rilanciano l’ambizione del progetto.

Si arriva alla costituzione, nel 2000, dell‘Università dei Sapori con l’appoggio di enti pubblici e soggetti privati (Regione dell’Umbria,
Provincia di Perugia, Comune di Perugia, Camera di Commercio della Provincia di Perugia, Confcommercio di Perugia), cui viene da subito riservata una sede prestigiosa, il suggestivo monastero
del XIII secolo, nel cuore dell’antica città medioevale di Perugia.

Con la consapevolezza che l’accesso al mondo del lavoro, in un epoca di crescente competitività, passa necessariamente per una formazione qualificata e il più possibile mirata,
prendono il via interventi conseguenti ad analisi accurate dei fabbisogni delle imprese e dall’interpretazione delle tendenze del mercato, al fine di fornire le competenze professionali
più richieste. Programmi formativi e progetti che si fanno sempre più corposi, anche grazie all’appoggio e ai finanziamenti dell’Unione Europea, e, in ambito nazionale, dei
Ministeri del Lavoro, dell’Industria e della Pubblica Istruzione.

La crescita dell’esperienza formativa si fa importante e, insieme allo stretto rapporto di partnership con le aziende, alla possibilità offerta agli allievi di vivere una reale
situazione lavorativa attraverso il periodo di stage, diventa la vera garanzia di qualità dei percorsi di approfondimento proposti. Una vera “palestra gastronomica” insomma, dove
acquisire, al fianco dei più stimati e qualificati esperti del settore, le tecniche di lavoro più coerenti con le prassi professionali. Tradizionali o innovative che siano.

Obiettivo sui professionisti di oggi e di domani, dunque, ma anche sulle imprese, con lo scopo di garantire una crescita significativa in termini di qualità, innovazione, valore e
competitività sul mercato. La proposta per le aziende è strutturata di volta in volta sulle specifiche necessità di sviluppo strategico e organizzativo e di
riqualificazione del personale.

Per le imprese della ristorazione si programmano momenti formativi per gli addetti alla sala e alla cucina, ma anche corsi nelle aree marketing, programmazione e gestione, innovazione
tecnologica e informatica. In questo ambito, oltre alle tradizionali figure del settore ristorativo (Aiuto Cuoco e Cuoco) e della Distribuzione Alimentare (Addetto al banco salumi – latticini e
gastronomia, Addetto alle vendite nel settore alimentare).

Oggi Università dei Sapori è anche Scuola Italiana di Gelateria, pensata e realizzata in collaborazione con l’Accademia della Gelateria
Italiana, e che si proietta decisa come la più alta ed importante offerta formativa del settore, peraltro assolutamente strategico per il comparto economico e occupazionale, in Italia e
nel mondo.

L’iniziativa, realizzata con i più affermati “maestri gelatieri” italiani, è a disposizione di tutti coloro che vedono nel proprio lavoro una vera e propria fonte di cultura e per
quanti sul mercato vogliono fare la differenza creando business con stile, competenza e passione. In sostanza la Scuola di Gelateria è un programma composito di corsi modulari, adatti ad
ogni esigenza, che regala al settore la scuola che mancava.

La crescente mole di attività (solo nel 2010 abbiamo erogato 21759 ore di formazione e formato oltre 500 disoccupati/inoccupati e oltre 2500 lavoratori provenienti dal mondo delle
imprese del settore alimentare e della ristorazione) di esperienza che vengono realizzate anche all’estero (Romania, Polonia, Serbia, Bulgaria, Brasile, Canada) ha richiesto oggi una sede
più spaziosa dove realizzare le attività formative e progetti futuri. La nuova sede verrà inaugurata il 14 ottobre 2011.

www.universitadeisapori.com

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento