Un piranha pescato nel Po

Un piranha pescato nel Po

Un piranha di grosse dimensione è stato pescato oggi nel Po, in un tratto di fiume tra Torricella di Sissa e Torricella del pizzo, in provincia di Parma.

Secondo la Gazzetta di Parma, che ha diffuso la notizia, il merito della cattura è di Mauro Bonazzi, abitante a Guastalla. L’uomo, esperto pescatore incuriosito dalla stranezza della sua
preda, l’ha portata per un consulto all’ Acquario del Po di Motta Baluffi (Cremona). Lì, gli esperti hanno stabilito come il pesce fosse un “Pygocentrus Nattereri” o Piranha
rosso.

Il “Pygocentrus Nattereri” è un pesce d’acqua dolce, che ha il suo habitat naturale nei grandi bacini idrici dell’America del Sud, come il sistema del Rio delle Amazzoni ed i
fiumi del Paraguay. Il Piranha rosso è un cacciatore vorace, che si nutre di diverse creature, come insetti, vermi, crostacei, pesci, mammiferi e uccelli, ma non disdegna bersagli di
grossi dimensioni. Il pesce forma assieme ai suoi simili dei branchi numerosi, che attaccano le loro vittime utilizzando una particolare tecnica detta fullblown: circondano il bersaglio, indebolendolo e facendolo poi a pezzi utilizzando i denti affilati.

Per ora, rimane un mistero come un abitante del Sudamerica sia finito nell’Italia settentrionale. L’ipotesi più probabile, avanzata dalla gazzetta di Parma, è che il pesce
appartenesse al proprietario di un acquario casalingo che stufatosi, si è liberto del piranha buttandolo nel fiume

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento