Troppa caffeina riduce la fertilità delle donne

Troppa caffeina riduce la fertilità delle donne

Tra tante ricerche che descrivono il caffè in termini positivi, una ne indica i potenziali effetti contro la fertilità femminile, indicando la caffeina come fonte del problema.

A fare la cattiva, una ricerca dell’University of Reno (USA), diretta dal dottor Sean Ward e pubblicata sul “British Journal of Pharmacology”.

Il fatto che alte dosi di caffeina possano danneggiare la capacità riproduttiva femminile è stato ipotizzato da indagini passate. In particolare, gli esperti di Reno sono stati
stimolati da una ricerca olandese. Gli scienziati, esaminando 9000 volontarie dei Paesi Bassi, avevano notato come quelle che bevevano più di 4 tazzine al giorno vedevano
l’abilità di concepire ridotta del 25%.

Allora, il team diretto dal dottor Ward ha condotto test di laboratorio, somministrando caffeina (contenuta non solo nel caffè) a topi femmina in diverse dosi.

Si è allora notato come la caffeina rallentasse e rendesse meno efficaci cellule specifiche delle tube di Falloppio, motore delle contrazioni che spingono l’ovulo nell’utero. Di norma,
sostengono gli studiosi, tali cellule sono il fondamento del processo che muove il gamete femminile nel ventre della futura genitrice. Con tale idea, i ricercatori si oppongono alla corrente di
pensiero che identifica come motore del sistema le , le piccole ciglia che ricoprono le pareti interne delle tube.

Inoltre, conclude Ward, la ricerca condotta offre una spiegazione valida al perché le donne che consumano molte bevande a base di caffeina spesso hanno più difficoltà a
concepire e impiegano molto più tempo a rimanere incinte rispetto a quelle che scartano tale sostanza.

FONTE: “Why caffeine can reduce fertility in women”, Wiley-Blackwell, 23/05/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento