Pesce tre volte a settimana per ridurre il rischio ictus

Pesce tre volte a settimana per ridurre il rischio ictus

Un menù settimanale che preveda pesce almeno 3 giorni su 7 riduce il rischio di ictus.

Questa la conclusione di una ricerca del Karolinska Institutet (di Stoccolma,Svezia), diretta dalla dottoressa Susanna Larsson e pubblicata dal “American Journal of Clinical Nutrition”.

La squadra diretta dalla Larsson si è basata sull’osservazione di 35.000 donne, nate nel periodo 1914-1948 e seguite dagli Anni Ottanta ai giorni nostri. L’osservazione diretta è
stata accoppiata da questionari: le signore hanno infatti risposto a 350 domande su stile di vita, malattie croniche ed abitudini alimentari.

In base ai dati così ottenuti, i ricercatori svedesi sono riusciti a definire l’influenza sulla salute dell’alimentazione: non solo i cibi scelti, ma anche la quantità di
condimenti usati ed i sistemi di cottura impiegati. Allora, tale incrocio di variabili ha evidenziato come il consumo di pesce riduceva il pericolo ictus. Per usare le parole degli studiosi,
“Abbiamo così dimostrato chi mangiava pesce almeno 3 volte la settimana era protetta dall’ictus. Le loro probabilità di subire l’evento erano di oltre il 15% inferiore rispetto a
quelle di chi lo consumava solo sporadicamente”.

Non tutto il pesce è uguale, però: infatti, gli esperti del Karolinska consigliano di mangiare pesce magro, poco condito, poiché particolarmente benefico.

FONTE: Susanna C Larsson, Jarmo Virtamo, and Alicja Wolk, “Fish consumption and risk of stroke in Swedish women” Am J Clin Nutr March 2011 93: 3 487-493; doi:10.3945/ajcn.110.002287

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento