TIROCINI: OPPORTUNITA' CONCRETA PER GIOVANI

Il tirocinio è una delle modalità prevalenti con cui i giovani entrano nel mercato del lavoro dopo il periodo formativo. I tirocini formativi e di orientamento in
Piemonte sono in continua crescita: in cinque anni, dal 2001 al 2006, si sono stabilizzati intorno a 10.000 l’anno. Aumentano così pure gli enti promotori, che da 145 nel 2001 sono
diventati 296 nel 2006. Tra questi risultano aver attivato i tirocini in maggior numero i Centri per l’impiego, seguenti dalle scuole superiori, le agenzie formative e
l’Università.

Da questi dati ha preso avvio l’indagine dell’Agenzia Piemonte Lavoro sui tirocini non curriculari, ovvero quelli che hanno come obiettivo la formazione di competenze e la maturazione di
scelte.

La ricerca è stata presentata oggi al convegno «Tirocini formativi e di orientamento: opportunità per i giovani nel mercato del lavoro», una
occasione di riflessione e dibattito sulla qualità dello strumento in Piemonte e in altre realtà regionali, con la presenza delle istituzioni, parti sociali, agenzie
formative e università.

Da un’analisi sull’approfondimento degli esiti si rileva una positiva opinione del tirocinio: il dato confortante è che circa l’80% dei tirocini si conclude regolarmente. La maggior
parte di coloro che ne hanno usufruito ha trovato lavoro o è tornata a scuola.

Tra coloro che hanno interrotto il tirocinio risulta che l’interruzione è dipesa dalla volontà del tirocinante e per motivi importanti come scuola o altro lavoro.

Hanno utilizzato in maggior numero il tirocinio le ragazze, i giovanissimi ( 15-20 anni) e le persone con titolo di studio inferiore al diploma.

Il 57% di tutti i tirocinanti risulta aver trovato occupazione.

Le aziende interessate appartengono in prevalenza al terziario, all’artigianato e alla piccola impresa.

«I tirocini formativi, come la ricerca dell’Apl dimostra – ha commentato l’assessore al Welfare e Lavoro, Teresa Angela Migliasso – sono uno strumento cruciale per inserirsi nel
mercato del lavoro. Nell’ambito dei servizi che il sistema pubblico mette a disposizione delle persone che cercano lavoro i tirocini sono particolarmente utili per i giovani, le persone che
cercano impiego e le imprese. I dati confermano che i 30 Centri per l’Impiego del Piemonte governano quasi il 55% dei 10.000 tirocini che vengono annualmente attivati nella nostra
regione».

«Operare sull’alternanza formazione – lavoro attraverso l’esperienza dei tirocini – ha concluso l’assessore all’Istruzione e Formazione professionale, Gianna Pentenero – significa
far sì che il successo formativo si trasformi in occupabilità. Il dato importante per la Regione Piemonte è la presenza tra i Tirocinanti di giovanissimi
così come quella di soggetti privi di titolo di studio superiore. I Tirocini non curriculari promossi dalle agenzie formative sono passati infatti dai 443 tirocini nel 2001 ai 4327
del 2006. D’altronde anche l’82% circa delle Aziende ribadiscono l’utilità di dichiarare le competenze acquisite. Il tirocinio si conferma quindi come uno degli strumenti
più adeguati, insieme alle azioni di orientamento e al nuovo apprendistato, per fronteggiare la dispersione e l’abbandono scolastico».

Documento allegato:
ricerca sui tirocini

Leggi Anche
Scrivi un commento