Terni: idrico e rifiuti, presentato l'emendamento che sopprime gli ATO

TERNI – “L’emendamento all’articolo 15 del disegno di legge per la finanziaria 2008 formulato dalla Commissione Bilancio del Senato e relativo alla soppressione degli ATO (Ambiti
territoriali ottimali) per il servizio idrico e i rifiuti con il passaggio di tali competenze in via preferenziale alle Province, inquadra correttamente la questione come disciplina e governo
dei processi di area vasta da attribuire nel loro complesso alle Amministrazioni provinciali”.

Lo ha detto stamattina il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, giudicando positivamente l’emendamento riguardante la riorganizzazione degli ATO. “E’ l’impostazione – ha
sottolineato Cavicchioli – che la Provincia di Terni ha sempre sostenuto nel corso del dibattito sulla riforma endoregionale. Un’impostazione che appare corretta sotto ogni profilo per quanto
riguarda l’imputazione organica della funzione, la semplificazione amministrativa e i costi. L’auspicio che formulo – ha poi aggiunto il Presidente – è che l’emendamento venga approvato
recuperando in tal modo il contenuto del disegno di legge governativo sulla materia che consente, anche in sede locale, di affrontare in maniera organica le tematiche che abbiamo di fronte,
avendo un interlocutore ben identificato, con una struttura amministrativa consolidata, eletto direttamente dai cittadini, con un evidente snellimento del quadro amministrativo che acquisirebbe
particolare rilevanza per Umbria, tenendo conto della dimensione della regione, e per la nostra provincia dove gli ambiti corrispondono sostanzialmente ai confini amministrativi di competenza
dell’Ente”.

Leggi Anche
Scrivi un commento