Tè verde: i suoi polifenoli proteggono da cancro, demenza ed Alzheimer

Tè verde: i suoi polifenoli proteggono da cancro, demenza ed Alzheimer

Ancora elogi per il tè verde. La bevanda conterebbe composti benefici, che una volta digeriti, farebbero aumentare la protezione del corpo contro cancro, demenza ed Alzheimer.

E’ la tesi portata avanti da una ricerca dell’Università di Newcastle (Regno Unito), diretta dal dottor Ed Okello e pubblicata su “Phytomedicine”.

Gli studiosi hanno puntato sul tè verde a causa del suo ricco curriculum.

La bevanda è presente da secoli nella Medicina Tradizionale Cinese, in cui viene usata contro diverse malattie. Ricerche più recenti hanno mostrato come il tè verde (ed il
tè nero) contengano flavanoli, nemici dei radicali liberi e con proprietà anticolesterolo e neuroprotettive.

Allora, il dottor Okello ed il suo team hanno condotto test in vitro, notando come i polifenoli del tè verde fossero in grado, dopo la digestione, di avere un effetto protettivo contro
Alzheimer, demenza e cancro.

Il capo-ricercatore rimarca così l’elemento base del lavoro, cioè che “Quando il tè verde viene digerito dagli enzimi dell’intestino, i prodotti chimici derivanti sono in
effettivamente più efficaci contro i principali fattori scatenanti lo sviluppo della malattia di Alzheimer che non la forma di tè non digerito”. In più, “Abbiamo trovato
anche i composti digeriti avevano proprietà anti-cancro, in modo significativo vi era un rallentamento della crescita delle cellule tumorali abbiamo usato nei nostri esperimenti”.

Il lavoro non è però finito: Okello e colleghi hanno infatti in programma di verificare i risultati ottenuti su soggetti umani.

FONTE: E.J. Okello, G.J. McDougall, S. Kumar, C.J. Seal, “In vitro protective effects of colon-available extract of Camellia sinensis (tea) against hydrogen peroxide and beta-amyloid
(Aβ(1-42)) induced cytotoxicity in differentiated PC12 cells”, Phytomedicine, In Press, Corrected Proof, Available online 22 December 2010, doi:10.1016/j.phymed.2010.11.004

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento