Sott’acqua siamo tutti uguali, anche paraplegici e non vedenti

Sott’acqua siamo tutti uguali, anche paraplegici e non vedenti

Albenga, Bagni Doria, 20 agosto

Oggi abbiamo due appuntamenti importanti, il primo con Alessandra, una bella ragazza di 25 anni, paraplegica a causa di un incidente stradale a diciotto anni (una delle tante tragedie che
purtroppo fanno ancora molte vittime tra i nostri giovani). Il secondo stasera a Mendatica, nell’entroterra ligure, per la Festa della Cucina Bianca.

Alle 8,30 arriva Alessandra, scende dall’auto, sale sulla carrozzella e viene accompagnata dalla sorella al Centro Diving Idea Blu che c’è all’interno dei Bagni Doria, attrezzato per
accogliere anche disabili.
Il Centro Diving si trova in una posizione invidiabile, proprio davanti alla Gallinara, un’isolotto raggiungibile in pochi minuti e ricco di fauna e flora subacquea, in quanto è Parco
protetto.
Gianfranco e Alessandro portano i sub con il loro gommone di mt 7,60 capace di portare anche gruppi di 7-8 sub. Da qualche anno, in collaborazione con HSA di Milano, organizzano corsi e
immersioni per disabili.

Non è certo facile risolvere i problemi di respirazione, di deambulazione, di vestizione …ma è toccante assistere ad una gara di solidarietà verso chi è più
sfortunato di noi.
Più facciamo per loro e più arricchiamo noi stessi di sentimenti e veri valori.

Alessandra è sorridente e parla volentieri. sdraiata a terra si dà da fare per richiudere le varie cerniere della muta speciale, poi dopo un ripasso generale sul programma di
immersione, viene presa rimessa in carrozzella e portata in spiaggia.
Viene presa in braccio e depositata nel grande gommone in attesa degli altri sub in partenza per l’Isola Gallinara a vedere il Cristo Redentore. E’ una statua posta a -18 metri su un basamento
che la porta a -13 metri.
Giunti all’isola viene ancorata una boa di segnalazione per gli altri natanti della presenza dei sub ed avvisarli che non possono avvicinarsi a meno di 100 metri con i motori accesi e le eliche
in movimento. I sub indossano le loro attrezzature e, uno dopo l’altro, si buttano con una capriola all’indietro, tenendosi la maschera.

Anche Alessandra, aiutata da Gianfranco, si veste di tutto punto e depositata in acqua. Sono almeno due i suoi assistenti che la accompagnano nel blu.

(Mentre i sub sono sotto di noi, sono molteplici gli sbracciamenti e le “discussioni” con “capitani” della domenica e furbetti che vogliono avvicinarsi, nonostante il divieto).

Dopo un’oretta rientrano i primi sub e per ultima la nostra Alessandra:-“E’ meraviglioso!, E’ bellissimo! Abbiamo visto saraghi e barracuda, cernie e polpi. Abbiamo visto il Cristo…e l’ho anche
toccato! E’ come volare, senza peso, senza handicap!”
E’ veramente raggiante.

E’ difficile fare domande che non siano scontate e stupide. Rispettiamo la sua gioia e le auguriamo altre 100, 1000 immersioni. Alessandra ci risponde:-“Magari!”

Speriamo di ritroverla il prossimo 13 settembre, all’isola del Tino.

(Speriamo anche di ritrovare la nostra Canon che abbiamo “perduto” a Mendatica alla conclusione di una fantastica giornata)

Ecco cosa ci sarà tra poche settimane a Porto Venere

Martedì 13 settembre, i sub saranno nelle acque dell’Isola del Tino, per depositae una targa in Braille.

Parco Naturale Porto Venere – Area protetta dell’Isola del Tino

Martedì 13 Settembre, Festa di San Venerio, Patrono dei faristi

(comunicato stampa)
Insieme con Marina Militare Italiana, Raggruppamento Subacquei ed
Incursori Teseo Tesei, Comsubin e Comune di Porto Venere

Un evento importante che vedrà ancora insieme HSA Italia, Marina Militare Italiana e Comune di Porto Venere.

L’iniziativa promuove la posa in opera di una importante targa in braille per i sub non vedenti. La targa verrà posata in prossimità della nota grotta del Tinetto che, da 
anni, attira i subacquei caratterizzando in maniera unica i fondali antistanti l’isola del Tino.

Martedì mattina in occasione della festa di San Venerio, Patrono dei Faristi, sul piazzale della Vela sull’Isola  del Tino, vicino al museo storico e al porticciolo, conferenza
stampa  con presentazione al pubblico e alle autorità presenti della targa in braille e nero. Successivamente, immersione per la messa in opera.

La targa verrà installata dai sub non vedenti insieme agli istruttori HSA e ai palombari del raggruppamento subacquei ed incursori Teseo Tesei.
L’iniziativa è promossa e sostenuta in maniera coesa da HSA Italia, Marina Militare Italiana unitamente al Comune di Porto Venere, mass media e diverse personalità.

Un segnale forte e importante di sensibilità verso le persone disabili che vede l’adesione anche di tutta la comunità locale.
Migliaia sono i subacquei brevettati HSA che si immergono regolarmente in diverse parti del mondo provando l’emozione di scivolare senza peso nelle bellezze marine.
Tra di loro ci sono molti non vedenti che praticano attività subacquee traendone il piacere di stare insieme, integrandosi con gli altri, provando sensazioni uniche, come l’essere avvolti
dall’acqua che scivola addosso durante le discese subacquee accompagnati dalle loro guide ed istruttori esperti o il comunicare sott’acqua la flora e la fauna che toccano attraverso particolari
segnali tattili codificati da HSA in oltre 30 anni di impegno.

Sentire il mare con i suoi rumori ed odori percependone la dimensione tramite altri sensi che non siano la vista.
Momenti di partecipazione ed esperienze in sicurezza unici per una persona che non ha il dono della vista.
Indubbiamente un bel gesto che evidenzia valori, storia e tradizione di una società moderna, civile ed avanzata che presta attenzioni significative alle fasce più deboli
della nostra società.
Un’iniziativa che si colloca autorevolmente all’interno delle tante manifestazioni organizzate per i festeggiamenti dei 30 anni di attività di HSA in Italia e nel mondo.

HSA è una grande e bella realtà, un patrimonio unico di esperienze a disposizione di
tutti, sostenuta da migliaia di membri e simpatizzanti che rappresentano lo  zoccolo duro, un volano inarrestabile che continua a girare  per mettere  in campo sempre le migliori
azioni a vantaggio delle persone con disabilità.

Un sentito ringraziamento a tutti gli  attori in campo per il contributo dato ed un grosso ringraziamento ai palombari della Marina Militare Italiana che hanno permesso la realizzazione
dell’evento.

La manifestazione è aperta a tutti!    
Storia, tradizione e qualità

Centro subacqueo Idea Blu
Presso “Bagni Doria” via Einaudi,
Albenga
www.subideablu.com
info@centrosubideablu.com
Gianfranco Lenti: cell. 338 7656606
Massimo Saccone: cell. 335 328377
Alessandroa Saccone: cell. 338 9091013

 
Associazione Nazionale Attività Subacquee e
Natatorie per Disabili ONLUS

Milano – Tel 02/537299  Tel/Fax
02/57408326      www.hsaitalia.it
 

Leggi Anche
Scrivi un commento