Siena: Nonostante la Crisi in corso tiene il mercato internazionale del Brunello di Montalcino

Montalcino, Siena – Un anno difficile a livello internazionale ma che non ha sortito particolari effetti sulla tenuta del Brunello nei mercati esteri come quello nazionale
nel corso del 2008. E’ il messaggio che arriva oggi da Montalcino dove è in corso ‘Benvenuto Brunello’, presentazione delle nuove annate, accompagnata dall’ attesa per la
vendemmia 2004 giudicata una delle migliori di sempre e ‘ambita‘ dai mercati.

Il presidente del Consorzio del Brunello, Patrizio Cencioni, ha spiegato che “nel 2008 abbiamo commercializzato 6,9 milioni di bottiglie di Brunello e circa 4 milioni per il Rosso di
Montalcino. Per il 2009 prevediamo 7 mln di bottiglie per il Brunello 2004 e auspichiamo di tenere il trend nonostante la crisi che colpisce specie gli Stati Uniti che sono il nostro
mercato estero di riferimento dove si consuma una bottiglia su 4 di Brunello. Già dalle prime uscite all’estero – ha aggiunto – abbiamo avuto un forte riscontro di
pubblico da parte degli operatori e dei consumatori”. Complessivamente, ha spiegato Cencioni, il 60% del Brunello va all’estero, di cui il 25% in Usa, il 9 % in Germania, seguiti dalla
Svizzera (7%), dal Canada (5%) e dall’Inghilterra (3%), mentre il resto viene consumato in Italia, di cui il 10-12% nel territorio di Montalcino.

“Il nostro obiettivo – ha detto ancora – è poi quello di affermarci sempre più nei nuovi mercati emergenti promuovendo i nostri prodotti in Russia, o in Europa
dell’est
, ma anche Dubai e Abu Dabi o in India e Cina. Cerchiamo di tenere le posizioni anche sul mercato interno che a fine 2008 ha dato qualche segnale
di rallentamento”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento