Sequestrati oltre 30 quintali di prodotti monoporzione destinati alle mense

Sequestrati oltre 30 quintali di prodotti monoporzione destinati alle mense

Roma – Oltre 30 quintali di fette biscottate, brioches, marmellata, zucchero e biscotti alla panna, confezionati in dosi monouso e destinati ad aziende ospedaliere, mense scolastiche,
ristoranti e società di trasporto pubblico di rilevanza nazionale. E’ quanto sequestrato dal Corpo Forestale dello Stato (Cfs) in queste ore, come annuncia il ministro delle Politiche
agricole, alimentari e forestali Luca Zaia, in una nota. L’operazione è stata eseguita dal personale del Comando Stazione di Foce Sele (SA) del Cfs in località La Pila nel Comune di
Capaccio (SA).   

I prodotti, che venivano confezionati da una società locale, senza le previste autorizzazioni sanitarie, per conto di altre ditte che li commercializzavano a grosse società
pubbliche, erano in un fabbricato agricolo di circa 700 metri quadri, utilizzato abusivamente per attività industriale e commerciale in provincia di Salerno.  
“I pirati dell’agroalimentare – commenta il ministro Zaia – non risparmiano nemmeno le mense scolastiche e quelle degli ospedali. Un grave attentato alla salute di bambini e malati”.  

Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali esprime poi i complimenti agli uomini della Forestale. “Grazie al loro lavoro – aggiunge – è stato impedito che questi prodotti
finissero sul mercato. Erano malamente accatastati e, una volta distribuiti, avrebbero procurato un danno alla salute dei cittadini”. Dalle indagini della Forestale è emerso inoltre che il
fabbricato agricolo sequestrato era stato realizzato in difformità al permesso di costruire, con successivo cambio di destinazione da deposito agricolo ad attività industriale e
commerciale. Sono ancora in corso indagini per individuare gli altri acquirenti finali dei prodotti realizzati.    

“La fase due della tolleranza zero – sottolinea Zaia – continua. Abbiamo aumentato le attività di intelligence e il sequestro di queste ore ne è la conferma. Voglio tranquillizzare
i consumatori, che hanno tutto il diritto di poter acquistare alimenti sani e sicuri, che noi intendiamo tutelare questo diritto. I risultati che continuiamo ad ottenere provano che il nostro
sistema di controlli funziona. Continueremo a mantenere alto – conclude Zaia – il livello di attenzione nei confronti delle contraffazioni alimentari e a difesa delle produzioni italiane
d’eccellenza”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento