Seconda edizione di GIALLO MILANO

Dopo lo straordinario successo della passata edizione, quest’anno dal 9 all’11 maggio replica Giallo Milano, il concorso che premia il miglior risotto alla milanese , nato con l’intento di
promuovere e salvaguardare la tradizione enogastronomica ambrosiana e i valori diffusi dal marchio DECA (Denominazione Cucina Ambrosiana).

L’evento, realizzato con il contributo della Regione Lombardia ed il supporto di Provincia di Milano, Comune di Milano, Camera di Commercio di Milano, è ideato ed organizzato dalla
rivista RistorArte, Epam (Associazione Provinciale Milanese Pubblici Esercizi), Unione CTS e Fipe.

«Giallo Milano» è aperto ai ristoranti di Milano e provincia che vogliono cimentarsi nella preparazione del risotto giallo. Nel periodo che precede la tre giorni del
concorso, un gruppo di esperti, sta facendo visita ai ristoranti iscritti, assaggiando i risotti ed esprimendo ad ogni assaggio un giudizio critico. Il confronto fra i vari giudizi, espressi
con un voto, consentirà di selezionare i sei finalisti che si sfideranno in diretta nel pomeriggio di domenica 11 maggio. La premiazione è prevista durante la cena di gala presso
un rinomato ristorante nel cuore di Milano e prevede 3 opere d’arte realizzate dall’artista Paola Romeo.

Durante i giorni del Concorso la cittadinanza potrà partecipare attivamente all’evento dando corpo ad una vera e propria «giuria popolare». Presso i ristoranti che hanno
aderito all’iniziativa tutti potranno assaggiare il risotto degli chef in gara: chi vorrà assumere il ruolo di «membro della Giuria Popolare» compilerà l’apposita
scheda che si troverà nei locali, conferendo al risotto assaggiato un voto, da 1 a 10, che permetterà di aggiudicare il premio del Pubblico, la cui consegna è prevista in
autunno.

Ma non è tutto: anche locali di tendenza e wine bar parteciperanno all’iniziativa, proponendo come aperitivo un assaggio di risotto o serate a tema. I locali «Gialli» saranno
facilmente riconoscibili dal pubblico grazie ai totem posizionati all’esterno di ciascun ristorante e ai depliant promozionali distribuiti in tutta la città.

Ospite d’Onore sarà Gerry Scotti, un buongustaio padano doc che ha scelto di assegnare un premio speciale bagaglio della sua memoria storica: quello al «Miglior Riso del Giorno
Dopo», ovvero la migliore interpretazione del risotto avanzato, come nella più schietta tradizione della cucina popolare. Il premio consiste in una scultura realizzata dall’artista
Stefania Scarnati.

La rivista Ristorarte è infatti in edicola con in copertina Gerry Scotti che indica in maniera inequivocabile un irresistibile piatto di risotto alla milanese.

Leggi Anche
Scrivi un commento