Il 18 aprile 2008 la Comunità Montana premia gli atleti dell'Alta Valle Susa

La Comunità Montana Alta Valle Susa, visto il successo dell’iniziativa ottenuto l’anno scorso e sempre più decisa nel voler promuovere lo sport e i suoi
significati, fa il bis.

Venerdì 18 aprile, alle 18.30, avrà luogo a Bardonecchia la serata dedicata agli sportivi dell’Alta Valle Susa.
Nella Sala Giolitti del Palazzo delle Feste, per quella che ormai è diventata la «Festa degli atleti«, sono attesi più di quaranta giovani che, come
segnalato dai comuni e dalle associazioni, si sono distinti nel 2007 conseguendo titoli nazionali ed internazionali in diverse discipline: sci, snowboard, corsa, judo, skeleton, free ski,
pallavolo, calcio a 5, mountain bike.

Sarà un’occasione in cui festeggiare le fatiche e le vittorie insieme alle famiglie, agli amici, ma non solo. Nel corposo elenco degli invitati sono stati inseriti anche
tantissimi ospiti d’onore che hanno segnato la storia dello sport e sono motivo d’orgoglio del territorio altovalsusino, tra i quali Teresio Vachet, Piero Gros, Daniela
Ceccarelli, Roberta Serra, nonché gli assessori allo sport della Regione Piemonte e della Provincia di Torino, tecnici e allenatori delle associazioni sportive e della FISI. Saranno loro
i premiatori che consegneranno ai meritevoli atleti il giusto riconoscimento per l’ impegno e gli ottimi risultati raggiunti.

«In Alta Valle Susa sono tantissimi i giovani appassionati di sport e molti sono coloro che arrivano a traguardi importanti. Da sempre infatti l’Alta Valle Susa è terra di grandi
campioni dello sport» commenta l’assessore allo sport della Comunità Montana Andrea Maria Colarelli.
La festa di venerdì sarà un momento dedicato completamente ai ragazzi che meritano di essere sostenuti e apprezzati dal territorio e dalle istituzioni.

Il Presidente Mauro Carena esplicita l’intento dell’iniziativa: «Intendiamo valorizzare le grandi qualità sportive ed umane dei nostri atleti, ma soprattutto il significato
educativo della pratica sportiva, in modo tale che diventi fattore non solo di risultati agonistici, ma di formazione caratteriale e sociale».

Leggi Anche
Scrivi un commento