Scena Maratea: a tavola nell’antica Lucania

Scena Maratea: a tavola nell’antica Lucania

L’Italia dà il benvenuto alla bella stagione, e mette in luce la gastronomia dell’antica Basilicata

Nella cornice di Scena Maratea (Festival culturale d’Italia, 29 maggio-11 settembre ‘011), verranno proposte le specialità enogastronomiche della Basilicata.

La Lucania è terra di passaggio, crocevia alimentare tra ricordo del passato e sperimentazioni. La regione vanta antichissime produzioni di vino e di olio, elogiate dai poeti come
bandiere della misura e del rispetto umano per la natura. Riguardo poi la carne, gli Antichi Romani erano ghiottissimi della Lucanica, salsiccia figlia di maiali selezionati.

Allora, tutti a tavola in Lucania. Sede scelta per la mangiata, Maratea (provincia di Potenza), centro ideale di un circuito a metà tra mari e monti, perciò capace di offrire un
menù che comprende specialità vicine e forestiere.

Il ricco calendario inizia il 2 giugno coi Bocconotti, accoppiati alle Cassatine, simili ma più leggere del dolce siciliano.

Poi, un’armata di cibi locali, dai vari sapori e dal gusto interessante. Cibi del passato agreste, come il Canestrato di Moliterno, formaggio di latte di capre e pecore a pascolo brado, e la
Salsiccia pezzente, chiamata così poiché ricavata dai tagli poveri del maiale ed aromatizzata con finocchio e peperoncino. O come pancetta stesa e mozzarella e ricotta di Massa,
frazione locale famosa per l’abilità di casari.

Da non perdere poi l’antica Sagra del pesce (7-8 settembre): quaranta esperti chef regionali cucineranno in diversi modi il pesce fresco appena pescato nelle acque locali, ed innaffiato
poi con miscele di qualità, come il Grottino di Roccanova.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

www.maratea.info

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento